Stefano Fattori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stefano Fattori
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 2009
Carriera
Giovanili
1990-1991 Verona
Squadre di club1
1991-1992 Virescit Bergamo 34 (0)
1992-1993 Salernitana 23 (2)
1993-1997 Verona 125 (0)
1997 Reggiana 3 (0)
1997-1999 Torino 63 (3)
1999-2000 Vicenza Virtus 35 (2)
2000-2003 Torino 81 (1)
2003-2004 Piacenza 42 (1)
2004-2006 Ternana 67 (2)
2006-2009 Sambonifacese 78 (7)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 luglio 2011

Stefano Fattori (Verona, 26 febbraio 1972) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nell'Hellas Verona, a squadra della propria città, viene mandato per due anni a fare esperienza nelle categorie minori: nella stagione 1991-1992 è all'Alzano Virescit, neopromosso in Serie C2, mentre l'anno successivo gioca in prestito nella Salernitana[1], in Serie C1. Nel 1993 il nuovo allenatore degli scaligeri Bortolo Mutti lo integra nella rosa della prima squadra, con cui esordisce in Serie B e conquista la promozione in Serie A al termine del campionato 1995-1996. Resta in gialloblù anche nella stagione di Serie A, categoria in cui debutta l'8 settembre 1996 nella trasferta contro il Milan. A fine stagione conta 28 presenze, ma la formazione veneta retrocede in Serie B, e Fattori lascia Verona dopo 125 presenze di campionato con la maglia gialloblu.

L'anno successivo passa alla Reggiana[2], ma dopo 3 gare in Serie B passa al Torino[3] dove milita per due stagioni conquistando la seconda promozione nella massima serie al termine del campionato di Serie B 1998-1999. Nel 1999 viene ceduto al Vicenza[4] in cambio di Gustavo Méndez[5], sempre in Serie B; con i veneti ottiene la sua terza la promozione in Serie A. Dopo 2 partite nella massima serie, nel novembre 2000 fa ritorno al Torino[4], dove vince il campionato di Serie B 2000-2001. Con i granata gioca due campionati di Serie A, fino al 2003.

In scadenza di contratto, lascia il Torino[6] per accasarsi al Piacenza[7], in Serie B. In Emilia gioca una sola stagione, prima di passare alla Ternana[8], sempre in Serie B, dove milita per due campionati.

Dopo la retrocessione degli umbri in Serie C1, è tra i giocatori messi fuori rosa dalla dirigenza[9], e in ottobre si trasferisce alla Sambonifacese, con cui conquista la promozione in Serie C2[10] e dove conclude la carriera nel 2009.

Complessivamente ha disputato 88 partite in Serie A.

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Dall'8 giugno 2009 al 2 luglio 2010 è stato team manager dell'Hellas Verona[11]. Dal luglio 2013 è responsabile del settore giovanile del Sassuolo[12].

Il 2 maggio 2011 ha ottenuto la qualifica di direttore sportivo.[13]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Vicenza: 1999-2000
Torino: 2000-2001

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]