Stefano Fantelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Stefano Fantelli (Bologna, 30 maggio 1972) è uno scrittore e fumettista italiano di horror.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Conosciuto anche con lo pseudonimo El Brujo[1], è uno scrittore e fumettista italiano di genere horror e splatterpunk. È autore di numerosi libri e fumetti in bilico tra l'horror, lo splatterpunk e il grottesco, molti dei quali incentrati sulla figura del Brujo, suo alter ego e protagonista di bizzarre e soprannaturali avventure. Ha pubblicato più di cento racconti su diverse riviste e antologie. La sua movimentata biografia comprende svariate professioni, tra cui quelle di aiuto cuoco, lucidatore di bare, operatore sociale, trasportatore di acqua minerale, sparring partner per pugili. Tutti mestieri che lo hanno arricchito di storie e di personaggi[2]. Ha vinto due volte il Premio Letterario Navile, nel 1996 e nel 2003.

Nel 2009 il successo del suo libro Dark Circus, una raccolta di racconti con le introduzioni di Carlo Lucarelli e Gianfranco Nerozzi, gli ha permesso di iniziare a dedicarsi alla scrittura a tempo pieno.

Nel 2010 il suo racconto Morte e 9 euro e 20 è diventato uno spettacolo teatrale messo in scena a Roma con la regia di Katia La Galante. Nel corso dell'anno ha tenuto una rubrica fissa settimanale, Diario di uno stregone poeta, sul sito Horror Magazine. Lo stesso anno a Lucca Comics & Games è stata presentata la sua graphic novel El Brujo Grand Hotel.

Nel 2013 ha creato insieme a Rossano Piccioni il fumetto horror splatter The Cannibal Family, una serie spatterpunk cult tuttora in corso, che ha ricevuto gli apprezzamenti e le collaborazioni di diversi professionisti affermati, non solo tra i fumettisti (come Bill Sienkiewicz, Tanino Liberatore e Tito Faraci, per citarne alcuni) ma anche tra registi e sceneggiatori cinematografici come Ruggero Deodato, Edoardo Margheriti, Antonio Tentori.

Nel 2014 ha pubblicato con lo scrittore statunitense Michael Laimo il libro Mutazioni. Ha creato, insieme a Rossano Piccioni, Blood Brothers, una serie a fumetti di genere horror, tuttora in corso.

Nel 2015 è uscito il suo primo libro in lingua inglese, per il mercato americano, Stockholm Syndrome, con Alessandro Manzetti. Ha creato, insieme a Marco Greganti, Thanks For The Zombie, una serie a fumetti di genere horror, tuttora in corso. Ha firmato la prefazione della Guida ai migliori (e peggiori) fumetti horror made in Italy di Daniele Francardi. Alcuni suoi interventi e “dietro le quinte” sono stati inseriti nel manuale di sceneggiatura Scrivere Fumetti: Manuale di sceneggiatura curato da Gianfranco Staltari.

Nel 2016 ha pubblicato il libro Mar Dulce con Peter Straub, Caleb Battiago e Paolo Di Orazio. Come sceneggiatore lavora per le serie a fumetti The Cannibal Family, Blood Brothers, Thanks For The Zombies, La Iena, Denti e per la nuova serie della rivista horror cult Splatter.

Per Cut-Up Publishing, editore partner della Horror Writers Association, ha ideato e cura le collane Incubazioni (narrativa horror illustrata), Suture (saggi e “dietro le quinte” dedicati a cinema, letteratura, musica e fumetto) e Cartilagini (artbook e graphic novel).

È active member della Horror Writers Association.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Graphic Novel[modifica | modifica wikitesto]

Racconti inclusi in antologie e su riviste (elenco parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Storie a fumetti (elenco parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Opere come curatore (elenco parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]