Stefano Bellon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il nuotatore italiano, vedi Stefano Bellon (nuotatore).

Stefano Bellon (Padova, 13 febbraio 1956) è un compositore e didatta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli studi accademici compiuti sotto la guida di Wolfango Dalla Vecchia, si perfeziona sotto la guida di Franco Donatoni presso l'Accademia Chigiana di Siena e l'Accademia nazionale di Santa Cecilia a Roma.

Nel 1982 ottiene una borsa di studio del Conservatoire National Superieur de Musique di Parigi, e frequenta corsi e seminari con Pierre Boulez, Brian Ferneyhough, Giacomo Manzoni e Salvatore Sciarrino.

È stato docente presso l'università di Venezia, ed i conservatori di Udine, Adria, Rovigo e Trieste. Ha inoltre lavorato come arrangiatore anche nel campo della musica jazz, nonché come compositore per produzioni radio-televisive.

Sue composizioni vengono eseguite in Europa, in America ed in Asia da solisti e gruppi quali Arditti String Quartet, Atlas Ensemble, CMEK - Contemporary Music Ensemble of Korea, Lumen Contemporary Ensemble of Boston, Ciro Scarponi, Nieuw Ensemble, Interensemble, Quintetto Bibiena, Taukay Ensemble, Alvise Vidolin, Lothar Zagrosek, Ed Spanjaard.

Ha pubblicato saggi e analisi sulla musica di Bruno Maderna.

La sua musica[modifica | modifica wikitesto]

Stilisticamente Bellon è partito da posizioni vicine a quelle del suo insegnante Franco Donatoni e di Luciano Berio (al quale ha dedicato il brano Paul Mc Cartney Commentaries, eseguito alla Biennale di Venezia nel 2004). Il suo cammino è per certi aspetti affine e conseguente a quello di compositori come Louis Andriessen o Bruno Maderna: lo accomunano a tali autori il ripensamento organico di esperienze compiute nel campo del jazz all'interno di una scrittura sempre sorvegliatissima, e lo sviluppo di un atteggiamento compositivo di derivazione post-seriale, anche applicato a materiali di tradizione extracolta o, più recentemente, non occidentale.

Da sottolineare infatti sia l'utilizzo consistente di strumenti musicali appartenenti a culture extraeuropee - in particolar modo nelle sue numerose collaborazioni con l'Atlas Ensemble di Amsterdam-, il CMEK di Seul, Yan Jemin (Cina), Ji-Young (Corea) - così come quello dei nuovi mezzi musicali informatici.

Alcune opere recenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Interensemble CD Edipan 3030, contiene Breaks - sette intermezzi minimi e Chalumeau, Interensemble, direttore Bernardino Beggio.
  • "CMEK", Contemporary Music Ensemble of Korea, CD SEOU Records (2005), contiene One thread per complesso da camera.
  • "Monologues", Pietro Tonolo, CD SPLASH Records CDH 645.2, contiene Composita Solvantur.