Stearato di zinco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stearato di zinco
Zinc stearate.png
Nome IUPAC
zinco octadecanoato
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C36H70O4Zn
Massa molecolare (u) 632,33 g/mol
Aspetto solido bianco
Numero CAS 557-05-1
PubChem 11178
SMILES [Zn+2].[O-]C(=O)CCCCCCCCCCCCCCCCC.[O-]C(=O)CCCCCCCCCCCCCCCCC e CCCCCCCCCCCCCCCCCC(=O)[O-].CCCCCCCCCCCCCCCCCC(=O)[O-].[Zn+2]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) > 1
Solubilità in acqua 0,9 mg/l (20 °C)
Temperatura di fusione 118 °C (391 K)
Indicazioni di sicurezza
Temperatura di autoignizione 435 °C (708 K)
Frasi H ---
Consigli P --- [1]

Lo stearato di zinco è il sale di zinco dell'acido stearico. Chimicamente è un sapone di zinco molto usato in campo industriale.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

A temperatura ambiente si presenta come un solido bianco dall'odore tenue, praticamente insolubile nei solventi polari come acqua, alcool e etere, mentre è solubile a caldo negli idrocarburi aromatici (come il benzene) o clorurati. Tra i saponi metallici è quello con il maggior potere distaccante e per questo viene ampiamente utilizzato nell'industria delle materie plastiche e della gomma.[2]

Non contiene elettroliti e possiede un effetto idrofobo.

Secondo la direttiva 67/584/CEE, non è considerato una sostanza pericolosa; l'ingestione di consistenti quantità può dar luogo ad irritazione.

È un prodotto combustibile e può creare miscele esplosive con l'aria, quando vi è disperso in forma di polvere sottile.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Date le sue proprietà anti adesive, è ampiamente utilizzato come distaccante o agente di rilascio nella produzione di articoli di gomma, plastica e poliuretano; inoltre nella trasformazione del poliestere e nella metallurgia delle polveri.[2] Nell'industria cosmetica si usa come lubrificante e addensante per migliorare l'aspetto superficiale.[3]

Nell'industria della gomma viene impiegato anche come attivante di vulcanizzazione per lo zolfo e gli acceleranti.

Data la sua natura lipofila, funziona da catalizzatore per trasferimento di fase nella saponificazione dei grassi.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda della sostanza su IFA-GESTIS
  2. ^ a b c David J. Anneken, Sabine Both, Ralf Christoph, Georg Fieg, Udo Steinberner, Alfred Westfechtel, Fatty Acids, in Ullmann's Encyclopedia of Industrial Chemistry, 2006, Wiley-VCH, Weinheim. DOI: 10.1002/14356007.a10_245.pub2
  3. ^ http://cosmeticsinfo.org/ingredient/zinc-stearate
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia