Stazione di Vastogirardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vastogirardi
stazione ferroviaria
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàVastogirardi
Coordinate41°44′22.2″N 14°14′57.84″E / 41.7395°N 14.2494°E41.7395; 14.2494Coordinate: 41°44′22.2″N 14°14′57.84″E / 41.7395°N 14.2494°E41.7395; 14.2494
LineeSulmona-Isernia
Caratteristiche
Tipofermata in superficie, passante
Stato attualepriva di traffico ordinario; solo traffico storico-turistico
Attivazione1897
Binari1
Statistiche passeggeri
al giorno2 (2007)
FonteRFI

La stazione di Vastogirardi è una fermata ferroviaria, posta sulla ferrovia Sulmona-Isernia, a servizio dell'omonimo comune. Si trova in località Cerreto e dista 7,7 km dal centro del paese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La fermata è gestita da Rete Ferroviaria Italiana (RFI). Il fabbricato viaggiatori si sviluppa su due piani ed è tinteggiato di giallo. Il piano terra ospita i servizi per i viaggiatori quali la sala d’attesa. La fermata è servita da un unico binario. In passato oltre al binario 2 rimasto (è il binario di corretto tracciato) vi era il binario 1 che costituiva il binario di precedenza e veniva utilizzato per effettuare gli incroci ferroviari.

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

Al 2007, l'impianto risultava frequentato da un traffico giornaliero medio di 2 persone.[1]

La fermata non è più servita da alcun treno che effettua il servizio viaggiatori a partire dall'11 ottobre 2010, data della sospensione dell'esercizio regolare sulla tratta Castel di Sangro-Carpinone.[2]

A partire dal 2014 la fermata è servita occasionalmente da treni storico-turistici organizzati dalla Fondazione FS Italiane e dall'associazione Le Rotaie.[3]

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Sala d'attesa Sala d'attesa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati statistici di Rete Ferroviaria Italiana, 2008
  2. ^ Non oltre Castel di Sangro, in "I Treni" n. 332 (dicembre 2010), p. 4.
  3. ^ Fondazione FS Italiane: il progetto "Binari senza tempo"

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]