Stazione di Pievetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pievetta
stazione ferroviaria
lang=it
La fermata di Pievetta lato binari
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàPriola, frazione Pievetta
Coordinate44°15′44.85″N 8°01′33.69″E / 44.262458°N 8.026025°E44.262458; 8.026025Coordinate: 44°15′44.85″N 8°01′33.69″E / 44.262458°N 8.026025°E44.262458; 8.026025
LineeCeva-Ormea
Caratteristiche
TipoFermata in superficie, passante
Stato attualein uso
Attivazione1889
Binari1
DintorniPievetta

La stazione di Pievetta è una fermata ferroviaria, posta sulla ferrovia Ceva-Ormea, al servizio della frazione Pievetta del comune di Priola quale fermata di treni turistici.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pievetta venne raggiunta dalla ferrovia nel 1889[1] e la fermata venne inaugurata in concomitanza all'attivazione del tronco Ceva-Priola il 15 settembre dello stesso anno.

Al 2002 la fermata risultava impresenziata insieme a tutti gli altri impianti sulla linea ad esclusione della stazione di Ceva[2].

L'mpianto rimase senza traffico dal 17 giugno 2012 per effetto della sospensione del traffico ferroviario sulla linea[3][4].

La fermata tornò attiva nel 2016 con la riapertura della linea a scopi turistici[5]: nell'impianto fanno fermata i treni storici a partire dall'11 settembre[6].

Il 25 novembre dello stesso anno la linea è stata interrotta a causa dell'esondazione del Tanaro, che ha provocato una frana a ridosso del fiume nel tratto tra Priola e Pievetta, da cui sono ceduti 500 metri di binari[7]. La fermata di Pievetta è divenuta dunque capolinea temporaneo delle corse dei treni storici, fino al ripristino della linea, previsto per luglio 2018.[8]

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La fermata dispone di un fabbricato viaggiatori di piccole dimensioni sviluppato su due piani, in pietra e mattoni, rivestito con l'intonaco e verniciato solo sulla facciata lato binari[9]. Dopo diversi anni di abbandono il fabbricato ha subito una incisiva ristrutturazione nel 2011[10].

A seguito dell'impresenziamento il fabbricato venne chiuso e fu aggiunta una pensilina in metallo dotata di un'obliteratrice e di pannelli informativi per i viaggiatori.

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

La fermata, durante gli ultimi anni di servizio, era servita solamente da regionali nell'ambito del contratto con regione Piemonte.

Dal 2016, l'impianto è servito su calendario da treni storici della Fondazione FS, in cui sono previsti collegamenti diretti con la località di Torino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]