Stazione di Monterosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Stazione di Monterosso (disambigua).
Monterosso
stazione ferroviaria
Monterosso stazione.JPG
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Monterosso al Mare
Coordinate 44°08′44.52″N 9°38′56.33″E / 44.1457°N 9.64898°E44.1457; 9.64898Coordinate: 44°08′44.52″N 9°38′56.33″E / 44.1457°N 9.64898°E44.1457; 9.64898
Linee Genova-Pisa
Caratteristiche
Tipo Stazione in superficie, passante
Stato attuale in uso
Attivazione 1874
Interscambi Autobus urbani

La stazione di Monterosso è la stazione ferroviaria che serve Monterosso al Mare, in Liguria. La stazione è ubicata sulla Genova-Pisa, a pochi passi dalla spiaggia, in località Fegina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione fu inaugurata il 24 ottobre 1874, contestualmente alla tratta ferroviaria Sestri Levante-La Spezia[1].

Il giorno 11 marzo 1918, anno in cui la stazione venne ampliata, fu attivato un prolungamento del binario d'incrocio e, contestualmente, il nuovo segnalamento di stazione comandato dall'apposita cabina per apparati centrali[2].

Il 15 gennaio 1962 venne inaugurato il raddoppio di binario fra Monterosso e Corniglia, comprendente la fermata di Vernazza[3]. Per il completamento del raddoppio lato Framura, ultima sezione della "Tirrenica settentrionale" rimasta a semplice binario, si dovette attendere fino al 23 gennaio 1970[4]. Si trattò infatti di un'opera particolarmente complessa, stante l'esigenza di operare senza interrompere l'esercizio e la contestuale necessità di sistemare la falda a monte. Risale a tale periodo la costruzione di un fabbricato accessorio contenente 6 alloggi per il personale[5].

Nei mesi di giugno e luglio 2011 la stazione fu servita anche dai "Treni del Mare" gestiti dall'impresa privata Arenaways, fallita di lì a poco.

Il 25 ottobre dello stesso anno una devastante alluvione seppellì parte del paese di Monterosso; proprio la presenza della fermata ferroviaria, liberata da fango e detriti, contribuì in maniera determinante alla logistica delle squadre di soccorso che da lì iniziarono il lungo lavoro di ripristino dell'abitato.[senza fonte]

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

All'interno del fabbricato viaggiatori, realizzato su due livelli, sono ospitati diversi servizi come biglietteria, bar, sala d'attesa e deposito bagagli.

Monterosso conta tre binari per il servizio passeggeri. A causa della particolare posizione a ridosso dei monti, la stazione sorge fra tre gallerie, ragion per cui i marciapiedi si trovano in parte in galleria ed in parte all'esterno. Solitamente i binari utilizzati sono il primo e il terzo, mentre il secondo serve soltanto per le precedenze o per i capolinea di alcuni convogli.

Lo scalo merci è attualmente dismesso.

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è servita dalle relazioni regionali Trenitalia svolte nell'ambito del contratto di servizio con la Regione Liguria, nonché da alcune relazioni a lunga percorrenza del medesimo operatore.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione dispone dei seguenti servizi:

  • Biglietteria a sportello Biglietteria a sportello
  • Biglietteria automatica Biglietteria automatica
  • Bar Bar
  • Servizi igienici Servizi igienici

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tra mare e monti da Genova alla Spezia, op. cit. p. 109.
  2. ^ Tra mare e monti da Genova alla Spezia, op. cit. pp. 110-111.
  3. ^ Ordine di Servizio n. 26 del 1962
  4. ^ Tra mare e monti da Genova alla Spezia, op. cit. p. 114.
  5. ^ Alessandro Mandelli, Il raddoppio della tratta Sestri Levante-La Spezia (parte seconda), in La tecnica professionale, n. 11/novembre 2013, CIFI, Roma, pp. 28-43.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Castiglioni, Cinque Terre, una ferrovia in I treni, n. 47, febbraio 1985, p. 25.
  • Franco Castiglioni, gallerie delle Cinque Terre' in I treni, n. 186, ottobre 1997, p. 34.
  • Corrado Bozzano, Roberto Pastore, Claudio Serra, Tra mare e monti da Genova alla Spezia, Nuova Editrice Genovese, Genova, 2010. ISBN 978-88-88963-38-9
  • Alessandro Mandelli, Ferrovia delle Cinque Terre in Tutto treno & storia, n. 23, aprile 2010, p. 28.
  • Alessandro Mandelli, Trifase alle Cinque Terre in Tutto treno & storia, n. 24, novembre 2010, p. 22.
  • Alessandro Mandelli, Da Sestri a La Spezia in Tutto treno & storia, n. 25, ottobre 2011, p. 46.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]