Stazione di Laveno Mombello Nord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Laveno-Mombello Nord
stazione ferroviaria
Laveno Mombello staz ferr FNM.jpg
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Laveno-Mombello
Coordinate 45°54′30.24″N 8°37′07.1″E / 45.9084°N 8.61864°E45.9084; 8.61864Coordinate: 45°54′30.24″N 8°37′07.1″E / 45.9084°N 8.61864°E45.9084; 8.61864
Linee Saronno–Laveno
Caratteristiche
Tipo stazione in superficie, di testa
Stato attuale In uso
Attivazione 1886
Binari 6 + 1 senza banchina
Interscambi Navigazione Lago Maggiore
Dintorni Lago Maggiore

La stazione di Laveno-Mombello Nord è la stazione terminale della ferrovia Saronno-Laveno. Si trova in Via Garibaldi, a pochi passi dal centro cittadino e dal Lago Maggiore, dove si trova anche un imbarcadero traghetti, con trasporto auto, della Navigazione Lago Maggiore. Nelle vicinanze è presente inoltre la Stazione di Laveno-Mombello delle Ferrovie dello Stato.

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

Il piazzale binari

La stazione è gestita da Ferrovienord, che la classifica come stazione principale[1]; il piazzale è costituito da sette binari, di cui sei accessibili da banchina. Il settimo binario è utilizzato generalmente per i treni merci.

È presente inoltre un raccordo ferroviario che collega la stazione con quella di Laveno-Mombello, gestita da RFI, e posta sulle linee Luino-Milano e Luino-Oleggio.

Movimento[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è servita da treni regionali svolti da Trenord sulla direttrice Laveno Mombello-Milano Cadorna nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Lombardia.

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

  • Fermata autobus Fermata autobus
  • Stazione taxi Stazione taxi
  • Fermata traghetto Fermata traghetto (Lago Maggiore)

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

La stazione compare in diversi film degli anni settanta e ottanta maggior parte con Renato Pozzetto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ferrovienord.it - Stazione di Morosolo-Casciago, ferrovienord.it. URL consultato il 18 ottobre 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Ladavas, Manfred Peter, Il nodo ferroviario di Laveno, in Mondo Ferroviario, n. 331, aprile 2015, pp. 22–35.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]