Stazione di Greenford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Greenford
stazione ferroviaria
Greenford station MMB 02 165134.jpg
Piattaforme della stazione di Greenford
Localizzazione
StatoRegno Unito Regno Unito
LocalitàLondra, Ealing
Coordinate51°32′33.36″N 0°20′46.68″W / 51.5426°N 0.3463°W51.5426; -0.3463Coordinate: 51°32′33.36″N 0°20′46.68″W / 51.5426°N 0.3463°W51.5426; -0.3463
LineeCentral line flag box.png
National Rail
Caratteristiche
Tipostazione in superficie, passante
Stato attualein uso
Attivazione1904
Binari3
Interscambiautobus
 
Mappa di localizzazione: Londra
Greenford
Greenford

Greenford è una stazione situata nella località omonima, nel borgo londinese di Ealing, nella zona nord-occidentale di Londra. È servita dalla metropolitana di Londra e dalla treni della National Rail, su piattaforme indipendenti. Sulla rete metropolitana, si trova sulla diramazione di West Ruislip della Central Line tra le stazioni di Northolt e di Perivale; fa parte della Travelcard Zone 4. Sulla rete ferroviaria, è il capolinea della Greenford Branch Line; la stazione successiva in direzione sud è South Greenford. La stazione è di proprietà ed è gestita dalla London Underground[1].

Mappa del 1914 delle linee ferroviarie nella zona di Greenford

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione fu aperta il 1º ottobre 1904[2] dalla Great Western Railway (GWR) sulla New North Main Line (oggi la linea Acton-Northolt).

La stazione attuale, adiacente all'originale, fu aperta in occasione dell'estensione della Central line nell'ambito del New Works Programme del London Passenger Transport Board del 1935-40. In seguito ai ritardi dovuti alla guerra, fu completata e inaugurata il 30 giugno 1947[2].

Il servizio della British Rail sulla vecchia stazione fu gradualmente ridotto, fino alla chiusura nel 1963. La responsabilità operativa della nuova stazione fu trasferita dalla BR alla metropolitana il 13 novembre 1967[3]. Il sito della vecchia stazione è tuttora visibile dai treni di passaggio della Central line.

La stazione oggi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Greenford si trova in superficie, con una piattaforma a isola per la Central Line. Una bay platform situata fra le piattaforme della metropolitana e rivolta in direzione sud-est serve la linea della GWR verso West Ealing.

Le scale mobili in legno a Greenford, rimosse nel 2014 e sostituite con una passerella mobile inclinata

Greenford fu la prima stazione della London Underground ad avere delle scale mobili che portassero i passeggeri in alto verso piattaforme al di sopra del livello del suolo.[4] Fino al 2014 rimase l'ultima stazione ad avere in funzione scale mobili in legno; tutte le altre simili installazioni sulla rete erano state convertite in scale completamente in metallo oppure rimosse da tutte le stazioni sotterranee in seguito all'incendio di King's Cross del 1987.[5]


Nel 2009, a causa di problemi finanziari, la Transport for London decise di sospendere i lavori su un progetto per consentire l'accessibilità alla stazione di Greenford e ad altre cinque stazioni, citando come giustificazione il fatto che si tratta di stazioni non particolarmente trafficate e situate a una o due fermate di distanza da stazioni prive di barriere architettoniche.[6] Prima che il progetto fosse abbandonato, la TfL aveva speso circa 3,9 milioni di sterline.[7]

Il progetto per l'accessibilità fu in seguito ripristinato e un'innovativa piattaforma mobile inclinata in vetro fu installata il 20 ottobre 2015[8].

Una delle pochissime segnalazioni di tipo semaforico rimaste nella zona di Londra si trova sulla diramazione da Greenford a West Ealing, controllata dal semaforo di Greenford East fino a South Greenford, con i segnali del tipo "Great Western" tuttora in uso. La British Rail aveva previsto la sostituzione del semaforo di Greenford East fin dagli anni novanta per sostituirli con il controllo remoto operato dalle centrali di Slough e di Marylebone, ma questa è stata rimandata a tempo indeterminafto in quando lo scarso volume del traffico non ne giustifica il costo.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

La Great Western Railway opera un servizio navetta tra Greenford e West Ealing ogni 30 minuti, dal lunedì al sabato. Non c'è servizio domenicale. Fino al gennaio 2017 tutti i convogli terminavano alla stazione di Paddington, ma dopo la costruzione di una piattaforma terminale a West Ealing soltanto l'ultimo treno della giornata fa capolinea a Paddington.[9]

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è servita delle seguenti linee di autobus:

  • Buses roundel.svg: 92, 105, 395, E6.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) National Rail Enquiries - Station facilities for Greenford, su nationalrail.co.uk. URL consultato il 19 settembre 2018.
  2. ^ a b (EN) Central Line, Dates, in Clive's Underground Line Guides. URL consultato il 18 settembre 2018.
  3. ^ (EN) Platform Ticket News: Greenford, in Journal of the Transport Ticket Society (Luton, Transport Ticket Society), nº 48, dicembre 1967, pp. 348.
  4. ^ J. Graeme Bruce e Desmond F. Croome, The Twopenny Tube: The Story of the Central Line, Harrow Weald, Capital Transport, 1996, p. 52, ISBN 1-85414-186-4.
  5. ^ (EN) The newest and oldest escalators running at Greenford Tube station for one day only, su tfl.gov.uk, 11 marzo 2014. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  6. ^ (EN) Disability and Deaf Equality Scheme (DES) 2009-2012 (PDF), su content.tfl.gov.uk. URL consultato il 19 settembre 2018.
  7. ^ (EN) £64 million cost of abandoned Step Free tube, su transportforall.org.uk. URL consultato il 19 settembre 2018.
  8. ^ (EN) UK’s First Incline Lift Coming To Improve Disabled Access At Greenford Underground... But 8 Crossrail Stations Won’t Have Step-Free Access, su bluebadgestyle.com. URL consultato il 19 settembre 2018.
  9. ^ (EN) Great Western Railway Timetable 1 January to 19 May 2018 T11 (PDF), su gwr.com. URL consultato il 19 settembre 2018.
  10. ^ (EN) Transport for London - Buses, su tfl.gov.uk. URL consultato il 19 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]