Stazione di Bergamo FVS

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bergamo FVS
stazione ferroviaria
Bergamo FVS fabbricato viaggiatori 20120809.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàBergamo
Coordinate45°41′28.03″N 9°40′33.45″E / 45.691119°N 9.675958°E45.691119; 9.675958
Lineeferrovia della Valle Seriana
Storia
Stato attualeIn uso
Attivazione1884
Soppressione1967
Riattivazione2009
Caratteristiche
TipoStazione in superficie, di testa
Binari3
OperatoreSocietà Anonima della Ferrovia Valle Seriana
InterscambiStazione di Bergamo FS
 
Mappa di localizzazione: Bergamo
Bergamo FVS
Bergamo FVS

La stazione di Bergamo FVS era il capolinea orobico della ferrovia della Valle Seriana, attiva fra il 1884 e il 1957. Nel 2009 su parte dell'area dell'ex stazione è attivo il capolinea della tranvia Bergamo-Albino, realizzata sul medesimo sedime ferroviario.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione fu aperta nel 1884 contestualmente alla prima tratta della ferrovia della Valle Seriana il 21 aprile 1884[1]

L'intera linea venne chiusa all'esercizio il 31 agosto 1967[2].

Dal 2009, con l'apertura della tranvia Bergamo-Albino realizzata sul medesimo sedime, parte del piazzale della dismessa stazione è stato reimpiegato dal capolinea della nuova linea[3].

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione disponeva di un fabbricato viaggiatori distinto rispetto a quello adiacente, di maggiori dimensioni, della Ferrovia della Valle Brembana (FVB), anch'esso affacciato sulla piazza della stazione di Bergamo FS.

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ G. Leopardi, C. Ferruggia e L. Martinelli, Le ferrovie delle valli bergamasche, op. cit., pp. 23-24.
  2. ^ G. Leopardi, C. Ferruggia e L. Martinelli, Treni & Tramvie della bergamasca, op. cit.
  3. ^ Stefano Bernardi, La nuova metrotranvia Bergamo-Albino, in Ingegneria ferroviaria, n. 11, 2009, pp. 1001-1009.
  4. ^ Paolo Zanin, A Lodi in tram dalle province di Milano, Bergamo e Cremona, Salò, ETR, 2016. ISBN 978-88-85068-45-2, p. 54.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giulio Leopardi, Carlo Ferruggia; Luigi Martinelli, Treni & Tramvie della bergamasca, 2ª ed., Clusone, Ferrari Editrice, 2005, ISBN 88-89428-10-4.
  • Giulio Leopardi, Carlo Ferruggia e Luigi Martinelli, Le ferrovie delle valli bergamasche, in Tutto treno & storia, n. 15, aprile 2006, pp. 22-33.
  • Marco Cacozza, Le ferrovie delle valli bergamasche, in Tutto treno & storia, n. 31, aprile 2014, pp. 10-15.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]