Iside, madre di Thutmose III (JE 37417)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Iside, madre di Thutmose III (JE 37417)
CG42072.jpg
Autoresconosciuto
Dataca. 1479/1425 a.C.
Materialegranito nero
Dimensioni98,5×25×52,5 cm
UbicazioneMuseo egizio del Cairo

La statua di Iside, madre di Thutmose III, è una antica scultura egizia raffigurante la "Grande sposa reale" Iside, madre del faraone Thutmose III, in granito nero[1][2].

Questa scultura sofisticata della regina-madre Iside fu dedicata dal figlio, re Thutmose III, al Grande tempio di Amon-Ra a Karnak. Iside è ritratta in una posa classica per l'arte egizia, con le mani adagiate sulle gambe e uno scettro floreale nella mano sinistra, il capo sormontato da una pesante parrucca tripartita con lunghe trecce d'uguale lunghezza e quest'ultima terminante a sua volta con una base cilindrica e dorata cui erano applicate, un tempo, due alte piume (tuttora visibili, sulla sua fronte, i due urei, cioè il cobra e l'avvoltoio del Basso e Alto Egitto incoronati con le corone delle Due Terre)[1]. La donna indossa anche un grande pettorale e due bracciali. I suoi piedi posano su una base incorporata al trono, sul quale è scritto[1]:

« Il dio perfetto, Signore delle Due Terre, Menkheperra [Thutmose III], amato da Amon-Ra, Signore dei troni delle Due Terre. Egli lo fece come monumento per sua madre, la "madre del re" Iside, giustificata [defunta]. »

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Saleh, Sourouzian 1987, reperto n°16.
  2. ^ Black granite statue of Isis, mother of Thutmose III, su www.ancient-egypt.co.uk. URL consultato il 17 giugno 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Georges Legrain, Statues et statuettes de rois et de particuliers. Catalogue Général des Antiquités Égyptiennes du Musée du Caire. N° 42001-42138, Il Cairo, Imprimerie de l'Institut Français d'Archéologie Orientale, 1906–1925.
  • Mohamed Saleh, Hourig Sourouzian, Official Catalogue of the Egyptian Museum - Cairo, Mainz, Philipp von Zabern, 1987, ISBN 3-8053-0952-X.