Statua della Madre Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Madre Patria Chiama
Mamaev kurgan (ОКН).JPG
Autori Evgenij Vučetič e N. Nikitin
Data 1959 - 1967
Materiale calcestruzzo armato, metallo (prevalentemente acciaio)
Altezza 8500 cm
Ubicazione Mamaev Kurgan, Volgograd
Coordinate 48°44′32.2″N 44°32′13.5″E / 48.742278°N 44.537083°E48.742278; 44.537083Coordinate: 48°44′32.2″N 44°32′13.5″E / 48.742278°N 44.537083°E48.742278; 44.537083

La Madre Patria Chiama (in russo: Родина-мать зовёт!?, traslitterato: Rodina Mat' Zovët!) è una colossale statua allegorica, più conosciuta come Statua della Madre Russia, posta sulla collina di Mamaev Kurgan a Volgograd (Stalingrado), in Russia.[1]

Inaugurata nel 1967, fa parte di un memoriale dedicato agli eroi della battaglia di Stalingrado (1942-1943). L'effigie della statua compare nella bandiera dell'Oblast' di Volgograd. Fa parte della lista delle Sette meraviglie della Russia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È una delle statue più alte del mondo, la donna è l'allegoria della Madre Russia e alta 52 metri (8 metri in più della Statua della Libertà di New York) e la spada 33 metri, per un totale di 85 metri. Lo stile scultoreo è tipico del realismo sovietico, ma il mantello al vento ricorda la Nike di Samotracia.

Il peso della scultura è di 7.900 tonnellate (5.500 di calcestruzzo armato e 2.400 di metallo, prevalentemente acciaio). Per avere un raffronto, il peso della struttura metallica della torre Eiffel, alta 300 metri, è di 7.300 tonnellate. Lo spessore del calcestruzzo armato è di 25–30 cm, ma la tenuta statica è garantita da un complesso sistema di cavi e tiranti in acciaio. La spada era inizialmente in acciaio al titanio, ma la sua tenuta in presenza di forte vento destava preoccupazione ed è stata sostituita nel 1972 con una struttura in una lega leggera al fluoruro, del peso di 14 tonnellate. Il peso della parte sospesa del mantello è di ben 250 tonnellate.

L'opera è stata ideata dallo scultore Evgenij Vučetič e la progettazione statica è dell'ingegnere N. Nikitin. Per il volto della statua l'artista Lev Maistrenko propose come modello quello di Valentina Izotova, una nativa di Volgograd all'epoca ventiseienne.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da non confondere con un'altra statua colossale dal nome simile, la Statua della Madre Patria situata a Kiev.
  2. ^ (EN) Intervista a Valentina Izotova (2003) [collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]