Star Wars: L'ascesa di Skywalker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Star Wars: L'ascesa di Skywalker
Star Wars The Rise of Skywalker.png
Logo originale del film
Titolo originaleStar Wars: The Rise of Skywalker
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2019
Durata142 min
Rapporto2,39:1
Generefantascienza, azione, avventura, fantastico
RegiaJ. J. Abrams
SoggettoJ. J. Abrams, Chris Terrio, Colin Trevorrow, Derek Connolly[1]
personaggi creati da George Lucas
SceneggiaturaJ. J. Abrams, Chris Terrio
ProduttoreKathleen Kennedy, J. J. Abrams, Michelle Rejwan
Produttore esecutivoTommy Gormley, Callum Greene, Jason D. McGatlin
Casa di produzioneLucasfilm, Bad Robot Productions
Distribuzione in italianoWalt Disney Studios Motion Pictures
FotografiaDaniel Mindel
MontaggioMaryann Brandon, Stefan Grube
Effetti specialiDominic Tuohy, Roger Guyett
MusicheJohn Williams
ScenografiaRick Carter, Kevin Jenkins
CostumiMichael Kaplan
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Star Wars: L'ascesa di Skywalker (Star Wars: The Rise of Skywalker), noto anche come Star Wars: Episodio IX - L'ascesa di Skywalker, è un film del 2019 diretto da J. J. Abrams.

Scritto da J. J. Abrams e Chris Terrio, prodotto da Lucasfilm e Bad Robot Productions e distribuito da Walt Disney Studios Motion Pictures, è il nono capitolo della saga di Guerre stellari e il terzo e ultimo film della cosiddetta "trilogia sequel", composta da Star Wars: Il risveglio della Forza (2015) e Star Wars: Gli ultimi Jedi (2017);[2] il film è ambientato un anno dopo gli eventi di quest'ultimo.[3]

La pellicola vede il ritorno di gran parte del cast dei capitoli precedenti, con la partecipazione di Carrie Fisher, Mark Hamill, Adam Driver, Daisy Ridley, John Boyega, Oscar Isaac, Anthony Daniels, Naomi Ackie, Domhnall Gleeson, Richard E. Grant, Lupita Nyong'o, Keri Russell, Joonas Suotamo, Kelly Marie Tran, Ian McDiarmid e Billy Dee Williams.

Il film ha ottenuto tre candidature ai premi Oscar 2020[4] e tre ai premi BAFTA 2020.[5]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I protagonisti in una scena del film.

Circa un anno dopo gli eventi de Gli ultimi Jedi, Rey si sta allenando sotto la guida del generale Leia Organa, per completare la sua istruzione di Jedi. Nel frattempo Kylo Ren, il nuovo Leader Supremo, ottiene un dispositivo che gli consente di raggiungere Exegol, un pianeta nascosto nelle Regioni Ignote dove da tempo si nasconde l'Imperatore Palpatine, che, grazie al lato oscuro della Forza, è mantenuto in uno stato di non-morte mediante un complesso supporto vitale. Costui, che rivela essere il creatore del personaggio di Snoke, ha preparato un'immensa flotta di incrociatori stellari, ciascuno dotato di un'arma in grado di distruggere un pianeta, con la quale intende invadere la galassia e ripristinare il defunto Impero Galattico. Palpatine promette a Ren di fornirgli la flotta per farlo diventare il nuovo Imperatore, ma a condizione che uccida Rey.

Nel frattempo Rey, Poe Dameron, Finn, C-3PO, BB-8 e Chewbecca partono alla ricerca del dispositivo gemello di quello rinvenuto da Kylo Ren, così da poter raggiungere il pianeta dove si nasconde Palpatine e sconfiggerlo definitivamente. Dopo che al gruppo si è unito il droide D-O e aver incontrato e ricevuto aiuto da Lando Calrissian, il dispositivo viene alla fine rinvenuto da Rey a bordo dei rottami della distrutta seconda Morte Nera. Ma Kylo Ren, sopraggiunto nel frattempo, se ne impossessa e lo distrugge. Rey combatte con la spada laser contro Kylo Ren, che le rivela la verità sulle proprie origini e da dove trae la propria Forza: Rey è la nipote di Palpatine, abbandonata all'età di 6 anni su Jakku dai suoi genitori che sono stati uccisi per averla protetta. Durante il duello tra i due, Leia chiama il figlio per farlo tornare al lato chiaro, morendo subito dopo, e in quel momento Rey ferisce Kylo trafiggendolo con la spada, per poi guarirlo subito dopo. Ciò spinge Ben a riflettere, in un dialogo con il padre defunto (un ricordo nella sua mente), finendo per gettare la sua spada laser in mare.

Rey sottrae il caccia TIE di Kylo Ren e si reca sul pianeta Ahch-To, dove distrugge il mezzo e dove intende isolarsi per non portare a compimento la profezia del nonno, che la vorrebbe regnare sul nuovo Impero Galattico insieme a Kylo Ren. Qui però il fantasma di Forza di Luke Skywalker la guida e la convince a recarsi su Exegol per combattere Palpatine. Usando il vecchio X-wing di Luke, Rey invia le coordinate del pianeta anche alla Resistenza.

Tutta la flotta della Resistenza raggiunge Exegol, avendo escogitato un piano per distruggere gli incrociatori stellari. Qui Palpatine cerca di convincere la nipote a diventare un Sith per farne l'Imperatrice del nuovo Impero, ma solo dopo che lei lo avrà ucciso. Ben Solo, ritornato al lato chiaro della Forza e arrivato anch'egli sul pianeta, prima sconfigge i suoi ex compagni d'armi, i Cavalieri di Ren, e poi si unisce a Rey per combattere l'Imperatore, che, però, riesce a sopraffare i due e a prelevarne l'energia vitale, con cui si rigenera e, usando i suoi poteri, attacca le astronavi della Resistenza, che stanno combattendo contro la flotta di Palpatine. Rey, accasciata a terra ma viva, si concentra per percepire le voci di tutti i precedenti Jedi esistiti. Ci riesce e costoro si uniscono a lei attraverso il potere della Forza, permettendole di contrastare l'attacco dell'Imperatore. Unendo le spade laser degli Skywalker per farsi da scudo, rigira contro il nonno i suoi stessi fulmini, vaporizzandolo. A causa dell'immane sforzo Rey muore, ma Ben, arrampicatosi dal burrone dove era stato sbalzato dall'Imperatore, riesce a salvarla cedendole la propria forza vitale. Felice che Ben sia tornato al lato chiaro della Forza, Rey lo bacia, ma poco dopo lui muore e scompare nella Forza, assieme al cadavere della madre che si trova nella base della Resistenza.

Successivamente, dopo aver festeggiato la vittoria della Resistenza, Rey si reca su Tatooine nella vecchia casa degli Skywalker. Lì seppellisce le spade laser appartenute alla famiglia Skywalker, per poi accendere temporaneamente la sua nuova spada dal colore giallo, e, dopo aver visto i fantasmi di Forza di Luke e Leia e aver ottenuto la loro approvazione, decide di assumere il cognome di "Skywalker".

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Inoltre Billie Lourd, Jimmy Vee, Greg Grunberg e Harrison Ford (non accreditato) riprendono rispettivamente i loro ruoli del Tenente Connix, R2-D2, Temmin "Snap" Wexley e Han Solo dai precedenti film.[6][16][17] Dominic Monaghan interpreta Beaumont Kin, un soldato della Resistenza.[18][19][20] Denis Lawson riprende il ruolo di Wedge Antilles dalla trilogia originale.[21] Kevin Smith e Jeff Garlin appaiono in un cameo in ruoli non ancora precisati.[22][23] Il regista J. J. Abrams è la voce del droide D-O, Jodie Comer e Billy Howle interpretano la madre e il padre di Rey, mentre John Williams e Lin-Manuel Miranda appaiono in un cameo rispettivamente nei ruoli di Oma Tres e un soldato della Resistenza.[24] Mark Hamill, oltre al ruolo di Luke Skywalker, dà la voce a un alieno di nome Boolio.[25] Appaiono in un cameo anche Warwick Davis e suo figlio Harrison Davis rispettivamente nei ruoli di Wicket W. Warrick, leader degli Ewok, e suo figlio Pommet Warrick, mentre Shirley Henderson dà la voce a Babu Frik.[26]

Molti attori e doppiatori apparsi nell'universo di Star Wars riprendono il loro ruolo in camei vocali: James Earl Jones nei panni di Darth Vader, Andy Serkis nei panni di Snoke e le voci dei Jedi passati con Ewan McGregor e Alec Guinness nei panni di Obi-Wan Kenobi (quest'ultimo attraverso audio d'archivio modificato digitalmente), Hayden Christensen come Anakin Skywalker, Ashley Eckstein come Ahsoka Tano, Freddie Prinze Jr. come Kanan Jarrus, Olivia d'Abo come Luminara Unduli, Frank Oz come Yoda, Liam Neeson come Qui-Gon Jinn, Jennifer Hale come Aayla Secura, Samuel L. Jackson come Mace Windu, e Angelique Perrin nel ruolo di Adi Gallia.[26]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il regista J. J. Abrams è tornato per dirigere L'ascesa di Skywalker

Nell'ottobre 2012, George Lucas, il creatore di Guerre stellari, aveva venduto la sua casa di produzione, la Lucasfilm, e con essa l'intero franchise di Guerre stellari, alla The Walt Disney Company. Disney annunciò poi la realizzazione di una nuova trilogia sequel per la saga cinematografica di Guerre stellari.[27] Nell'agosto 2015, Colin Trevorrow era stato annunciato come regista per Episodio IX.[28] Trevorrow avrebbe dovuto anche scrivere la sceneggiatura del film insieme a Derek Connolly.[28][29] Era stato inoltre annunciato che Rian Johnson, regista e sceneggiatore de Gli ultimi Jedi, avrebbe scritto un trattamento per Episodio IX.[30] Tuttavia, nell'aprile 2017, Johnson ha dichiarato di non essere coinvolto nel progetto, dicendo che queste erano "vecchie informazioni".[31] Nel febbraio 2016, l'amministratore delegato di Disney Bob Iger ha confermato che Episodio IX era entrato in pre-produzione.[32] Alla fine di aprile 2017, Disney ha inizialmente annunciato che il film sarebbe stato pubblicato il 24 maggio 2019.[33] Fino al mese successivo, l'inizio delle riprese era previsto per gennaio 2018,[34][35] per poi essere rimandato al mese di agosto.

Nell'agosto del 2017 è stato dichiarato che Jack Thorne si sarebbe occupato di riscrivere la sceneggiatura del film.[36] Il 5 settembre 2017, la Lucasfilm ha annunciato l'abbandono del progetto da parte di Trevorrow a causa di divergenze creative.[37] Secondo quanto riportato da The Hollywood Reporter, i rapporti lavorativi tra Trevorrow e la produttrice Kathleen Kennedy si erano incrinati dopo che il regista non era riuscito a proporre una sceneggiatura soddisfacente per il film, nonostante le numerose bozze presentate.[38] Inizialmente sembrava che a sostituire Trevorrow nel ruolo di regista sarebbe stato Johnson,[38] il quale però ha dichiarato di non aver «mai pianificato di dirigere Episodio IX».[39] Il giorno successivo è stato poi reso noto che J. J. Abrams, già regista de Il risveglio della Forza, sarebbe tornato per dirigere Episodio IX.[40] Abrams avrebbe inoltre collaborato alla sceneggiatura del film insieme a Chris Terrio, nonché alla produzione della pellicola (tramite la sua casa di produzione cinematografica, la Bad Robot Productions) insieme a Kennedy e Michelle Rejwan.[41] In aggiunta alla partecipazione di Abrams al realizzazione della pellicola, la Disney ha poi dichiarato che l'uscita del film sarebbe stata posticipata al 20 dicembre 2019.[42]

Prima dell'inizio delle riprese, al film era stato affibbiato il titolo di lavorazione Black Diamond (in italiano "diamante nero"), per poi essere cambiato in trIXie.[43] L'attore Richard E. Grant ha dichiarato che Disney ha fatto tutto il possibile per mantenere segreta ogni informazione riguardo al film, evitando la possibile trapelazione di dettagli sulla pellicola.[9]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Billy Dee Williams è tornato a interpretare il ruolo di Lando Calrissian

Le riprese del film sono iniziate nell'agosto 2018 presso i Pinewood Studios, vicino a Londra.[6] Parte delle riprese sono state realizzate anche nella valle di Uadi Rum, in Giordania.[44] L'attore Oscar Isaac ha dichiarato che Abrams ha dato al cast maggiore libertà d'improvvisazione rispetto ai due film precedenti.[45] Il 28 gennaio 2019 l'attore Anthony Daniels ha terminato di girare le proprie scene nei panni di C-3PO.[46] Le riprese del film si sono concluse il 15 febbraio 2019,[47] e i primi filmati della pellicola sono stati mostrati all'incontro annuale degli azionisti di The Walt Disney Company il 7 marzo dello stesso anno.[48]

Il budget del film è stato di 275 milioni di dollari.[49]

Effetti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti speciali sono stati realizzati da Industrial Light & Magic e supervisionati da Roger Guyett.[50]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 gennaio 2018 è stato annunciato che John Williams, che aveva già lavorato agli otto precedenti film della saga, avrebbe realizzato anche la colonna sonora di Episodio IX.[51][52] Il mese successivo, Williams ha dichiarato che questo sarebbe stato l'ultimo film di Guerre stellari per cui avrebbe composto la colonna sonora.[53]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 aprile 2019, durante la conferenza Star Wars Celebration di Chicago, è stato mostrato il primo teaser trailer del film, con cui è stato rivelato anche il titolo originale della pellicola, The Rise of Skywalker.[54] Il trailer ha ricevuto 111 milioni di visualizzazioni nelle prime ventiquattro ore.[55] Il 4 maggio 2019, con la pubblicazione del trailer italiano, è stato rivelato il titolo dell'edizione italiana del film: Star Wars: L'ascesa di Skywalker.[56] Il 24 agosto 2019, durante il D23 Expo, sono stati mostrati un nuovo teaser trailer, pubblicato online due giorni dopo, e il teaser poster.[57] Il 22 ottobre 2019 è stato pubblicato il poster ufficiale e il trailer finale.[58][59]

Come già avvenuto per i due film precedenti, anche per L'ascesa di Skywalker viene lanciata una campagna editoriale intitolata "In viaggio verso Star Wars: L'ascesa di Skywalker", annunciata il 4 maggio 2019 (nello Star Wars Day), che include il romanzo Resistance Reborn, ambientato tra Gli ultimi Jedi e L'ascesa di Skywalker, e vari altri titoli.[60] Il 14 dicembre Epic Games, editore di Fortnite, ha pubblicato un'anteprima del film nel gioco come evento dal vivo.[61] Alla fine dell'evento, è stato ascoltato un messaggio di Palpatine (menzionato nell'opening crawl del film).[62] A Disneyland, durante l'evento dello Star Tours è stato mostrato in anteprima un messaggio di Lando Calrissian in cui invita tutta la galassia a unirsi alla lotta.[63] Settimane prima della proiezione nelle sale, diversi artisti hanno reso omaggio alla fine della saga con delle immagini promozionali che richiamano gli storici poster realizzati per la trilogia originale.[64][65]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La première mondiale di Star Wars: L'ascesa di Skywalker si è tenuta il 16 dicembre 2019 a Los Angeles.[66] Inizialmente previsto per il 24 maggio 2019,[33] il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane il 18 dicembre 2019[56] e in quelle statunitensi il 20 dicembre.[42][67]

Star Wars: L'ascesa di Skywalker sarà uno dei primi film a essere distribuito sul servizio di streaming Disney+, insieme a Frozen II - Il segreto di Arendelle, Captain Marvel, Toy Story 4, Aladdin e Il re leone.[68]

Censura[modifica | modifica wikitesto]

In Medio Oriente il film ha subito dei tagli, dove è stato censurato nei minuti finali un bacio omosessuale tra due personaggi femminili;[69] la stessa scena è stata tagliata anche per i cinema di Singapore dalla stessa Disney.[70]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio italiano del film è stato effettuato presso la SDI Media Italia e curato da Carlo Cosolo.[71]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Al 15 gennaio 2020, Star Wars: L'ascesa di Skywalker‎ ha incassato 482 569 280 $ nel Nord America e 519 700 000 $ nel resto del mondo, per un totale di 1 002 269 280 $.[72]

Globalmente il film ha esordito con 376,2 milioni di dollari nei primi cinque giorni.[73] Il 15 gennaio 2020 ha raggiunto un incasso globale di 1 miliardo di dollari; è il nono film del 2019 (il settimo distribuito dalla Disney) a raggiungere il traguardo;[74] inoltre è il nono maggior incasso del 2019[75] e il terzo maggior incasso nel Nord America del 2019.[76]

Nord America[modifica | modifica wikitesto]

Alle anteprime del giovedì sera il film ha incassato 40 milioni di dollari,[77] mentre nel primo giorno di programmazione ha incassato 89,6 milioni in 4.406 schermi.[78][72] Nel week-end d'esordio ha ottenuto il primo posto al botteghino incassando 177,4 milioni,[73][79] risultando però il peggior esordio della nuova trilogia.[80] Nella prima settimana ha ottenuto un incasso di 289,8 milioni.[81] Nel secondo week-end è rimasto al primo posto incassando 72,4 milioni.[82][83] Anche nel terzo week-end è rimasto in testa alla classifica, incassando 34,5 milioni.[84][85] Nel quarto week-end è sceso al secondo posto, incassando 15,2 milioni.[86][87]

Internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel primo week-end di programmazione il film ha incassato 198,8 milioni di dollari.[73] Al 22 dicembre 2019 i mercati maggiori erano Regno Unito (27 milioni), Germania (22,1 milioni), Francia (16,5 milioni), Giappone (14,3 milioni), Australia (12,3 milioni), Cina (12,2 milioni), Spagna (7,7 milioni), Messico (7,3 milioni), Italia (6 milioni) e Brasile (5,9 milioni).[88]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore Rotten Tomatoes il film riceve il 52% delle recensioni professionali positive, con un voto medio di 6,2 su 10 basato su 469 critiche,[89] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 54 su 100 basato su 60 recensioni.[90]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Bedeschi, Star Wars: l’Ascesa di Skywalker, Colin Trevorrow condividerà con JJ Abrams i crediti sulla storia, su badtaste.it, 16 novembre 2019. URL consultato il 16 novembre 2019.
  2. ^ (EN) Star Wars: Episode IX Cast Announced, su starwars.com, 27 luglio 2018.
  3. ^ Star Wars: L'ascesa di Skywalker, comingsoon.it. URL consultato il 15 gennaio 2020.
  4. ^ a b (EN) Patrick Hipes, Oscar Nominations: 'Joker' Tops List With 11 Noms; '1917', 'Irishman', 'Hollywood' Nab 10 Apiece, su Deadline, 13 gennaio 2020. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  5. ^ a b Andrea Francesco Berni, BAFTA 2020: Joker guida le nomination con 11 candidature!, BadTaste.it, 7 gennaio 2020. URL consultato il 7 gennaio 2020.
  6. ^ a b c d e f g h i j (EN) Patrick Hipes, ‘Star Wars: Episode IX’ Rounds Out Cast, Which Will Include Carrie Fisher In Unreleased Footage, Deadline Hollywood, 27 luglio 2018.
  7. ^ a b c d (EN) Corey Hutchinson, Star Wars: Every Confirmed Cast Member For Episode 9, su Screen Rant, 18 dicembre 2017. URL consultato il 19 aprile 2019.
  8. ^ (EN) Bonnie Burton, Meet Star Wars: The Rise of Skywalker character Jannah, su CNET, 12 aprile 2019. URL consultato il 19 aprile 2019.
  9. ^ a b (EN) Drew Mollo, Star Wars: Episode IX Actor Calls Disney's Security 'Extraordinary', su cbr.com, 23 gennaio 2019.
  10. ^ a b Luca Ceccotti, Star Wars IX, rivelati i ruoli di Keri Russell, Richard E. Grant e i Cavalieri di Ren, su cinema.everyeye.it, 22 maggio 2019. URL consultato il 22 maggio 2019.
  11. ^ (EN) Patrick Hipes, Keri Russell Is In 'Star Wars: Episode IX' After All, su Deadline Hollywood, 27 luglio 2018. URL consultato il 19 aprile 2019.
  12. ^ Andrea Francesco Berni, Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, un indizio in una nuova foto di Zorii Bliss, su badtaste.it, 17 ottobre 2019. URL consultato il 3 dicembre 2019.
  13. ^ Mirko D'Alessio, Star Wars: The Rise of Skywalker, J.J. Abrams conferma il ritorno di Palpatine sul set, su badtaste.it, 13 aprile 2019. URL consultato il 13 aprile 2019.
  14. ^ (EN) J.J. Abrams Confirms Emperor Palpatine's Return in Star Wars: The Rise of Skywalker, su ComicBook.com. URL consultato il 19 aprile 2019.
  15. ^ (EN) J.J. Abrams Confirms Emperor Returns In 'Star Wars: The Rise Of Skywalker', su Forbes. URL consultato il 19 aprile 2019.
  16. ^ (EN) J.K. Schmidt, Star Wars: Greg Grunberg Teases Episode IX Return, su ComicBook.com, 20 luglio 2018. URL consultato il 19 aprile 2019.
  17. ^ Maurizio Porro, «Star Wars - L’ascesa di Skywalker»: i fantasmi dell’ultimo film della saga, Corriere della Sera, 18 dicembre 2019. URL consultato il 19 dicembre 2019.
  18. ^ (EN) Mike Fleming, Dominic Monaghan Re-Unites With JJ Abrams In Star Wars: Episode IX, su Deadline Hollywood, 24 agosto 2018. URL consultato l'8 aprile 2019.
  19. ^ (EN) Grant Davis, First Look At Dominic Monaghan In 'Star Wars: The Rise Of Skywalker', su Heroic Hollywood, 5 ottobre 2019. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  20. ^ (EN) Resistance Trooper™ (Star Wars IX) 2980, su Advanced Graphics. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  21. ^ Beatrice Pagan, Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, confermato il ritorno di Wedge Antilles!, su movieplayer.it, 30 ottobre 2019. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  22. ^ (EN) Bayani Miguel Acebedo, Kevin Smith Shares His Cameo in Star Wars: The Rise of Skywalker, su epicstream.com, 23 dicembre 2019. URL consultato il 4 gennaio 2020.
  23. ^ (EN) Patrick Cavanaugh, The Goldbergs Star Confirms Star Wars: The Rise of Skywalker Cameo, su ComicBook.com, 1º ottobre 2019. URL consultato il 22 ottobre 2019.
  24. ^ (EN) Jacob Stolworthy, Star Wars: The Rise of Skywalker – every cameo, from Jodie Comer to John Williams, The Independent, 19 dicembre 2019. URL consultato il 21 dicembre 2019.
  25. ^ Beatrice Pagan, Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, svelato il ruolo segreto di Mark Hamill!, su Movieplayer.it, 20 dicembre 2019. URL consultato il 21 dicembre 2019.
  26. ^ a b (EN) Anthony Breznican e Joanna Robinson, 25 Star Wars: The Rise of Skywalker Cameos You Might Have Missed, su Vanity Fair, 20 dicembre 2019. URL consultato il 4 gennaio 2020.
  27. ^ (EN) Leonard Devin, How Disney Bought Lucasfilm—and Its Plans for 'Star Wars', su Bloomberg Businessweek, 7 marzo 2013.
  28. ^ a b (EN) Rebecca Ford, Star Wars: Episode IX Sets Jurassic World Director Colin Trevorrow to Helm, The Hollywood Reporter, 15 agosto 2015.
  29. ^ (EN) Adam Chitwood, Star Wars: Episode IX Director Colin Trevorrow Promises 'Satisfying' Answer to Rey Theories, su Collider.com, 12 gennaio 2016.
  30. ^ (EN) Rebecca Ford, Tatiana Siegel, 'Star Wars: Episode VIII' Sets Director, The Hollywood Reporter, 20 giugno 2014.
  31. ^ (EN) Benjamin Eaton, Star Wars 9 Isn't Being Written by Rian Johnson, su screenrant.com, 27 aprile 2017. URL consultato il 4 aprile 2019.
  32. ^ (EN) Anthony Breznican, Star Wars: Episode VIII has started filming, Disney CEO says, su ew.com, Entertainment Weekly, 10 febbraio 2016.
  33. ^ a b (EN) Brent Lang, Maane Khatchatourian, Disney Dates ‘Lion King’ and ‘Frozen 2,’ Pushes Fifth ‘Indiana Jones’ Film to 2020, Variety, 25 aprile 2017.
  34. ^ (EN) Jon Hornbuckle, Star Wars: Episode IX to delay filming until 2018 following script rewrites after Carrie Fisher's tragic death, su The Sun, 26 maggio 2017.
  35. ^ (EN) Lawrence Kim, Star Wars: Episode IX to begin filming in January 2018, su clicklancashire.com, 3 giugno 2017.
  36. ^ (EN) Borys Kit, Star Wars: Episode IX Gets a New Writer (Exclusive), The Hollywood Reporter, 1º agosto 2017.
  37. ^ (EN) Dave McNary, Colin Trevorrow Out as Star Wars: Episode IX Director, su variety.com, Variety, 5 settembre 2017.
  38. ^ a b (EN) Borys Kit, Mia Galuppo, Colin Trevorrow Out as 'Star Wars: Episode IX' Director, The Hollywood Reporter, 5 settembre 2017.
  39. ^ (EN) Spencer Perry, Rian Johnson Casts Doubt on Directing Star Wars: Episode IX, su ComingSoon.net.
  40. ^ (EN) Justin Kroll, J.J. Abrams to Replace Colin Trevorrow as Director of ‘Star Wars: Episode IX’, Variety, 12 settembre 2017.
  41. ^ (EN) Lucasfilm, J.J. Abrams To Write And Direct Star Wars: Episode IX, su starwars.com, 12 settembre 2017.
  42. ^ a b (EN) Ryan Parker, Mia Galuppo, J.J. Abrams to Replace Colin Trevorrow as 'Star Wars: Episode IX' Writer and Director, The Hollywood Reporter, 12 settembre 2017.
  43. ^ (EN) Trevor Norkey, New Star Wars 9 Working Title Revealed, What Does It Mean?, su movieweb.com, 2 giugno 2018.
  44. ^ (EN) Jason Ward, Photos of Jordan’s Wadi Rum set from Star Wars: Episode IX!, su makingstarwars.net, 8 ottobre 2018.
  45. ^ (EN) Eric Kohn, Oscar Isaac Is Taking the Year Off After ‘Star Wars: Episode IX,’ So He’s Passing on Everything, su indiewire.com, 12 ottobre 2018.
  46. ^ (EN) Ryan Parker, 'Star Wars': Anthony Daniels Wraps Work as C-3PO on 'Episode IX'!, The Hollywood Reporter, 28 gennaio 2019.
  47. ^ (EN) Geoff Bucher, ‘Star Wars IX’: The Last Skywalker Film Wraps Principal Photography, Deadline Hollywood, 15 febbraio 2019.
  48. ^ (EN) Patrick Cavanaugh, 'Star Wars: Episode IX' Footage Shown at Disney Shareholders Meeting, su comicbook.com, 7 marzo 2019.
  49. ^ (EN) Tom Brueggemann, ‘Star Wars: The Rise of Skywalker’ Wins $175 Million Box Office, While the Farce Be With ‘Cats’, su indiewire.com, 22 dicembre 2019. URL consultato il 26 dicembre 2019.
  50. ^ (EN) STAR WARS: EPISODE IX - THE RISE OF SKYWALKER, su artofvfx.com. URL consultato il 7 luglio 2019.
  51. ^ (EN) John Weiss, John Williams says he's scoring Star Wars: Episode IX for J. J. Abrams, su Syfy Wire, 10 gennaio 2018.
  52. ^ (EN) Jordan Jones, John Williams will be returning for Star Wars: Episode IX, su Flickering Myth, 11 gennaio 2018.
  53. ^ (EN) William Hughes, John Williams says he's only got one more of these damn Star Wars movies in him, su The A.V. Club, 3 marzo 2018.
  54. ^ Star Wars 9, il nuovo film si chiamerà "The Rise of Skywalker": il trailer, Il Messaggero, 12 aprile 2019. URL consultato il 12 aprile 2019.
  55. ^ Fabio Mucci, Il trailer di Star Wars: The Rise of Skywalker visualizzato 111 milioni di volte in 24 ore, su cinema.everyeye.it, 25 aprile 2019. URL consultato il 26 aprile 2019.
  56. ^ a b Maria Saccà, Star Wars: L'Ascesa di Skywalker – svelato il titolo italiano allo Star Wars Day, su cinematographe.it, 4 maggio 2019. URL consultato il 4 maggio 2019.
  57. ^ Antonio David Alberto, Star Wars: Lo special look dal D23 de L'ascesa di Skywalker, su mondofox.it, 26 agosto 2019. URL consultato il 27 agosto 2019.
  58. ^ Mirko D'Alessio, Star Wars: l’Ascesa di Skywalker, ecco lo spettacolare trailer finale anche in italiano!, su badtaste.it, 22 ottobre 2019. URL consultato il 22 ottobre 2019.
  59. ^ Matteo Regoli, Online il nuovo meraviglioso poster di Star Wars: Episodio IX - L'Ascesa di Skywalker, su cinema.everyeye.it, 22 ottobre 2019. URL consultato il 22 ottobre 2019.
  60. ^ (EN) Lucasfilm Unveils Complete 'Journey to Star Wars: The Rise of Skywalker' Publishing Program – Exclusive, su StarWars.com, 4 maggio 2019. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  61. ^ (EN) Nick Statt, How to watch Fortnite's exclusive Star Wars: The Rise of Skywalker clip this Saturday, su The Verge, 13 dicembre 2019. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  62. ^ Andrea Francesco Berni, Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, il messaggio di Palpatine era stato rivelato su Fortnite, su BadTaste.it, 25 dicembre 2019. URL consultato il 9 gennaio 2020.
  63. ^ (EN) Star Tours: The Rise of Skywalker Adventure!, su makingstarwars.net, 7 gennaio 2020. URL consultato il 16 gennaio 2020.
  64. ^ Star Wars: L'ascesa di Skywalker, il nuovo poster rende omaggio a Il Ritorno dello Jedi, su movieplayer.it, 12 dicembre 2019. URL consultato il 16 gennaio 2020.
  65. ^ Il nuovo poster di Star Wars: L'ascesa di Skywalker è un omaggio a Una nuova Speranza, su cinema.everyeye.it, 21 dicembre 2019. URL consultato il 16 gennaio 2020.
  66. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, 'Star Wars: The Rise Of Skywalker' Seeing $205M+ Opening: Here's Why, su deadline.com, 27 novembre 2019. URL consultato il 2 dicembre 2019.
  67. ^ (EN) Hugh Armitage, Matt Chapman, Ian Sandwell, Star Wars Episode 9: Release date, cast, plot and everything you need to know, su Digital Spy, 15 marzo 2019. URL consultato il 2 aprile 2019.
  68. ^ (EN) James Whitbrook, Disney Is Planning to Pull All of Its Movies From Netflix and Start Its Own Streaming Service [Updated], su io9.gizmodo.com, 8 agosto 2017. URL consultato il 28 agosto 2019.
  69. ^ Andrea Bedeschi, Star Wars: L’ascesa di Skywalker, il momento LGBT censurato a Dubai, su badtaste.it, 19 dicembre 2019. URL consultato il 20 dicembre 2019.
  70. ^ Davide Stanzione, Star Wars: L’ascesa di Skywalker, il bacio tra due donne rimosso dalla Disney a Singapore, su Best Movie, 26 dicembre 2019. URL consultato il 26 dicembre 2019.
  71. ^ Star Wars - L'ascesa di Skywalker, su Il mondo dei doppiatori, AntonioGenna.net. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  72. ^ a b (EN) Star Wars: L'ascesa di Skywalker, su Box Office Mojo. URL consultato il 16 gennaio 2020. Modifica su Wikidata
  73. ^ a b c Giorgio Melani, Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, incassi del primo weekend inferiori agli episodi precedenti, su multiplayer.it, 22 dicembre 2019. URL consultato il 22 dicembre 2019.
  74. ^ Beatrice Pagan, Star Wars: L'Ascesa di Skywalker supera quota 1 miliardo di dollari, movieplayer.it, 15 gennaio 2020. URL consultato il 16 gennaio 2020.
  75. ^ (EN) 2019 Worldwide Box Office, su Box Office Mojo. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  76. ^ (EN) Domestic Box Office For 2019, su Box Office Mojo. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  77. ^ Marco Delfino, Star Wars: L'Ascesa di Skywalker supera Avengers: Infinity War alle anteprime del giovedì, Everyeye.it, 20 dicembre 2019. URL consultato il 21 dicembre 2019.
  78. ^ Andrea Francesco Berni, Star Wars: L’Ascesa di Skywalker domina la classifica americana di venerdì con oltre 90 milioni di dollari, su BadTaste, 21 dicembre 2019. URL consultato il 21 dicembre 2019.
  79. ^ (EN) Weekend Box Office (December 20-22, 2019), su Box Office Mojo. URL consultato il 23 dicembre 2019.
  80. ^ Valentina D'Amico, Star Wars: L'Ascesa di Skywalker, apertura più bassa della nuova trilogia al box office USA, flop per Cats, su Movieplayer.it, 23 dicembre 2019. URL consultato il 24 dicembre 2019.
  81. ^ (EN) Star Wars: The Rise of Skywalker - Domestic Weekly, su Box Office Mojo. URL consultato il 27 dicembre 2019.
  82. ^ Matteo Regoli, Star Wars: L'Ascesa di Skywalker è già nella top 10 dei maggiori incassi del 2019, Everyeye.it, 29 dicembre 2019. URL consultato il 29 dicembre 2019.
  83. ^ (EN) Weekend Box Office (December 27-29, 2019), su Box Office Mojo. URL consultato il 30 dicembre 2019.
  84. ^ Frenck Coppola, Box Office Usa - Star Wars IX vince ancora, flop per The Grudge, universalmovies.it, 5 gennaio 2020. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  85. ^ (EN) Weekend Box Office (January 3-5, 2020), su Box Office Mojo. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  86. ^ Matteo Regoli, Box office: 1917 in testa, Star Wars scende per la prima volta in seconda posizione, Everyeye.it, 12 gennaio 2020. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  87. ^ (EN) Weekend Box Office (January 10-12, 2020), su Box Office Mojo. URL consultato il 13 gennaio 2020.
  88. ^ (EN) Star Wars: The Rise of Skywalker - International Box Office Results, su Box Office Mojo. URL consultato il 28 dicembre 2019.
  89. ^ (EN) Star Wars: L'ascesa di Skywalker, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 16 gennaio 2020. Modifica su Wikidata
  90. ^ (EN) Star Wars: L'ascesa di Skywalker, su Metacritic, CBS Interactive Inc.. URL consultato il 16 gennaio 2020. Modifica su Wikidata
  91. ^ (EN) The 20th Annual Golden Trailer Award Winners, goldentrailer.com. URL consultato il 21 dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]