Stanislav Kosior

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stanislav Vikent'evič Kosior
Stanislaw Kosior2.jpg

Segretario generale del Partito Comunista dell'Ucraina
(dal 23 gennaio 1934 Primo segretario)
Durata mandato 14 luglio 1928 –
19 gennaio 1938
Predecessore Lazar' Kaganovič
Successore Nikita Chruščëv

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature I
Circoscrizione Oblast' di Kiev

Dati generali
Partito politico Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico)

Stanislav Vikent'evič Kosior (in russo: Станислав Викентьевич Косиор?, in polacco: Stanisław Kosior; Węgrów, 18 novembre 1889, 6 novembre del calendario giulianoMosca, 26 febbraio 1939) è stato un politico sovietico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Membro del Partito Operaio Socialdemocratico Russo dal 1907, fu ripetutamente arrestato dalla polizia zarista. Fu liberato dopo la Rivoluzione di febbraio del 1917 e nei mesi successivi fu attivo tra le forze bolsceviche a Pietrogrado. Rivestì poi posizioni di vertice nel Partito Comunista dell'Ucraina, di cui dal 1928 al 1938 fu prima Segretario generale e poi Primo segretario. Fu inoltre membro del Comitato centrale del Partito Comunista di tutta l'Unione dal 1924 al 1938, dell'Orgburo dal 1926 al 1928, del Politburo dal 1930 al 1938.[1]

Il 3 maggio di quell'anno, Kosior fu arrestato dall'NKVD; sottoposto a tortura resistette a proclamarsi innocente fino a quando non venne portata nella stanza dell'interrogatorio la figlia sedicenne, che venne stuprata davanti ai suoi occhi.[2][La fonte raccoglie testimonianze orali, opportuno chiarire più approfonditamente l'origine dell'informazione.] Il 26 febbraio 1939 venne condannato a morte e giustiziato mediante fucilazione il giorno stesso. Altri membri del Politburo purgati in questo periodo furono Jan Rudzutak, Robert Ėjche, Vlas Čubar' e Pavel Postyšev.

Dopo la morte di Stalin, Kosior fu riabilitato ufficialmente dal governo sovietico il 14 marzo 1956 in seguito alle risultanze delle indagini effettuate dalla commissione Pospelov, incaricata di studiare le repressioni staliniane.[3]

Il 13 gennaio 2010 nei confronti di Kosior e altri alti dirigenti sovietici fu aperto un procedimento dalla Corte d'Appello Ucraina per responsabilità criminale nell'organizzazione della grande carestia del 1932-1933; ma il caso venne archiviato a causa della morte di tutti gli imputati chiamati in causa.[4][5]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
«Per gli eccellenti successi e la realizzazione dei piani statali nell'ambito dell'economia agricola»
— 20 dicembre 1935

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kosior Stanislav Vikent'evič.
  2. ^ Figes, p. 248.
  3. ^ Orlov et al., p. 428.
  4. ^ (EN) Kyiv court accuses Stalin leadership of organizing famine, in Kyiv Post, 13 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2012).
  5. ^ (UK) Jaroslava Muzyčenko, Vyrok golodu, in Ukraïna moloda, 15 gennaio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Orlando Figes, The Whisperers, Londra, Allen Lane, 2007, ISBN 0312428030.
  • (RU) Kosior Stanislav Vikent'evič, su Spravočnik po istorii Kommunističeskoj partii i Sovetskogo Sojuza 1898-1991. URL consultato il 7 luglio 2017.
  • (RU) A. S. Orlov, V. A. Georgiev, N. G. Georgieva e T. A. Sivochina, Istorija Rossii. Učebnik [Storia della Russia. Manuale], 4ª ed., Mosca, Prospekt, 2014, ISBN 978-5-392-11554-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN72255169 · ISNI (EN0000 0000 8152 7701 · LCCN (ENn86845513 · GND (DE121672123