Stanisław Żółkiewski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stanisław Żółkiewski

Stanisław Żółkiewski (Turynka, 1547Țuțora, 7 ottobre 1620) fu un importante szlachta polacco, poi magnate, che comandò le armate della Confederazione Polacco-Lituana in vittoriose campagne contro la Moscovia, l'Impero ottomano ed i Tartari di Crimea. Tra i suoi titoli ed incarichi più prestigiosi si annoverano quello di Etmano di Campo della Corona (dal 1588), castellano di Leopoli (dal 1590), voivoda (principe) di Kiev, Grande etmano (dal 1613) e Gran Cancelliere della Corona Polacca (dal 1618).

Nella storia militare occidentale, Żółkiewski è ricordato come il primo europeo ad aver invaso la Russia e l'unico ad essere riuscito nella conquista della capitale Mosca[1].

Origini e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Stanisław Żółkiewski e Baldassarre Báthory nel seguito di re Stefan Batory a Pskov - particolare del quadro di Jan Matejko.

Figlio di Stanisław Żółkiewski e Zofia Żółkiewska, il giovane Stanisław nacque nel piccolo centro di Turynka, presso Leopoli, e si formò alla scuola del grande centro ucraino. Cominciò la sua carriera politica come segretario di re Stefano Báthory. Si distense nella Prima guerra del nord (1579-1582) combattendo sotto hetman Jan Zamoyski, il più potente alleato del re Báthory. Nominato egli stesso hetman nel 1588, Stanisław iniziò ad ammassare cariche e titoli: castellano di Leopoli nel 1590, divenne poi voivoda (principe) di Kiev. Nel biennio 1594-1596 sedò le rivolte dei Cosacchi di Severyn Nalivaiko.

La Guerra dei Magnati e la guerra con la Moscovia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Guerra dei Magnati di Moldavia.

Come per molti altri suoi contemporanei, Stanisław Żółkiewski legò le sue fortune al grande conflitto che vide la Confederazione Polacco-Lituana estendere la sua sfera d'influenza fino al Danubio: la Guerra dei Magnati di Moldavia avviata dall'ormai Grand Hetman Jan Zamoyski nel 1595.

Nel 1599, quando Zamoyski difese il trono del voivoda moldavo Ieremia Movilă contro il voivoda valacco Michele il Coraggioso, Żółkiewski difese per conto del grande hetman la Pocutia, territorio moldavo preteso da Michele ma preventivamente occupato dalle truppe polacco-lituane[2].

La scomparsa di Zamoyski nel 1605 liberò il campo per la definitiva ascesa di Żółkiewski che, come il suo predecessore, gestì in prima persona le più importanti scelte di politica estera della Confederazione nel suo tempo. Nel 1607 Stanisław Żółkiewski sedò la Rivolta di Zebrzydowski, stroncando i ribelli nella Battaglia di Guzów. Nel 1610 riscosse un'altra importante vittoria nella Battaglia di Klushino contro i Russi; vittoria che gli permise di assediare Mosca e di catturare lo Zar Vasiliy Shuyskiy. Diede quindi il suo appoggio alla candidatura di Ladislao IV di Polonia quale nuovo Zar.

Sin dal 1612 Żółkiewski fu maestro e mentore di Stanisław Koniecpolski, futuro hetman dai grandi successi. Proprio nel 1612 Żółkiewski guidò le truppe della Confederazione in territorio ucraino, aprendo una nuova fase nella partecipazione polacca alla Guerra dei Magnati di Moldavia. Presso Hotin, Żółkiewski convinse il voivoda moldavo Ștefan II Tomșa, già vincitore sulle truppe polacche del magnate Stefan Potocki nella Battaglia di Sasowy Róg, a cessare le ostilità.

Nel 1613 Żółkiewski divenne Grand Hetman della Corona. Nel 1616 tornò a porre mano alla questione moldava, per pacificare il conflitto riacceso dai magnati desiderosi di occupare la Moldavia. Nel 1617, nonostante l'età avanzata, fronteggiò il massiccio esercito ottomano agli ordini di Iskander Pasha e siglò il Trattato di Busza, impegnandosi ad impedire future aggressioni polacche ai danni della sovranità moldava.

Nel 1618, ormai divenuto Gran Cancelliere della Corona, Żółkiewski tentò di convincere il nuovo voivoda di Transilvania, Gabriele Bethlen, a non intervenire al fianco dei protestanti nella Guerra dei trent'anni. L'anno successivo aprì i contatti con il nuovo voivoda di Moldavia, Kaspar Graziani, decisosi a misconoscere il vassallaggio nei confronti del nuovo sultano, il giovane Osman II.

L'ultima battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Guerra polacco-ottomana (1620-1621).
La morte di Stanisław Żółkiewski a Cecora - Walery Eljasz-Radzikowski.

All'inizio di settembre 1620, Żółkiewski e Stanisław Koniecpolski radunarono 8000 uomini e mossero verso sud per affrontare i 22.000 turchi al comando di Iskander Pasha. I due eserciti si affrontarono nella Battaglia di Cecora, sul fiume Prut. Lo scontro si protrasse per diversi giorni. Costretto a ritirarsi, Żółkiewski riuscì a mantenere integre le sue forze fino al confine confederato, ove i suoi uomini si dispersero divenendo facile preda delle forze ottomane.

Żółkiewski restò ucciso il 7 ottobre, durante le ultime fasi della ritirata polacca. Il corpo dell'anziano hetman, caduto nelle mani dei turchi, venne smembrato e la sua testa spedita ad Istanbul come trofeo di guerra. Il macabro trofeo venne riscattato dalla vedova di Żółkiewski, catturata con i figli durante la battaglia. L'eredità di Stanisław passò a suo figlio Jakub Sobieski il cui erede, Jan, sarebbe divenuto Grand Hetman nel 1667 e re di Polonia nel 1676.

Il corpo di Stanisław Żółkiewski riposa nella Chiesa di San Lorenzo a Żółkiew (attuale Zhovkva) in Ucraina: una città fondata dallo stesso Żółkiewski.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quando, nel 1812 Napoleone, conquistò Mosca, la capitale dell'impero russo era San Pietroburgo.
  2. ^ Giurescu, Constantin C. (2007), Istoria Românilor, Bucarest, p. 199.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Naima, M. (XVII secolo), Annals of the Turkish Empire from 1591 to 1659 of the Christian Era, ed. Fraser, C. [a cura di] (1832), Londra, v. I.
  • Żółkiewski, Stanisław (XVII secolo), Początek i progres wojny moskiewskiej (it. "Dell'avvio e della conclusione della Guerra Moscovita"), ed. Stephen, M.W. [a cura di] (1959), Polonica Publications.

Studi[modifica | modifica wikitesto]

  • AAVV (1994), Hetmani Rzeczypospolitej Obojga Narodów, Bellona (Varsavia), ISBN 83-11-08275-8.
  • Kozlowski, Stanislaw Gabryel (1904), Life of Stanislaus Zolkiewski, Cracovia, .
  • Mikoś], Michael J. (1996), Polish Baroque and Enlightenment Literature: An Anthology, Columbus-Bloomington, ISBN 0-89357-266-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie
Controllo di autoritàVIAF (EN40177805 · ISNI (EN0000 0001 0890 6278 · LCCN (ENn85084042 · GND (DE118955268 · BNF (FRcb12412165p (data) · CERL cnp00402385