Stalag 17 - L'inferno dei vivi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stalag 17 - L'inferno dei vivi
Stalag Holden.jpg
William Holden
Titolo originaleStalag 17
Paese di produzioneStati Uniti
Anno1953
Durata120 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.37:1
Generecommedia, guerra, drammatico
RegiaBilly Wilder
SoggettoDonald Bevan, Edmund Trzcinski
SceneggiaturaBilly Wilder, Edwin Blum
ProduttoreBilly Wilder
FotografiaErnest Laszlo
MontaggioGeorge Tomasini
Effetti specialiGordon Jennings
MusicheLeonid Raab, Franz Waxman
ScenografiaFranz Bachelin, Hal Pereira (art director)
Sam Comer, Ray Moyer (set decorator)
CostumiAllan Sloane
TruccoWally Westmore, Harry Ray
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Stalag 17 - L'inferno dei vivi (Stalag 17) è un film del 1953 diretto da Billy Wilder, ambientato in un campo di internamento tedesco, il campo numero 17 appunto.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei prigionieri americani reclusi nello Stalag 17 è in realtà una spia tedesca, infiltratosi per conto dei nazisti. L'uomo scopre i piani di fuga dei compagni e li trasmette alle guardie del campo mediante un abile sistema segreto. Sefton, un altro prigioniero americano, ingiustamente accusato di essere la spia, alla fine smaschera l'infiltrato e riesce a farlo uccidere, per poi fuggire dal campo.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]