Stadio comunale Paschetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stadio Paschetto
Stadio Passo Buole
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Passo Buole, 94 I-10135 Torino
CoperturaPresente
Mat. del terrenotappeto erboso
ProprietarioComune di Torino
Uso e beneficiari
BaseballGrizzlies Torino 48
Capienza
Posti a sedere1 000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°01′31.67″N 7°39′06.78″E / 45.025463°N 7.651884°E45.025463; 7.651884

Lo Stadio comunale Paschetto è lo stadio di baseball della città di Torino, nel quartiere Lingotto.

Situato nel Parco del Lingotto e gestito dal Centro sportivo "Il Paschetto", è composto principalmente da un campo principale dotato di illuminazione e tribuna da 1.000 posti, da un campo da softball dotato di illuminazione e tribuna da 99 posti, da un campo per la categoria Under-12 e da una tensostruttura riscaldata.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione dell'impianto avvenne durante gli anni '70.

Nel 1983 lo stadio fu una delle sedi che ospitarono alcune partite degli Europei 1983, disputatisi in Italia.[2] Nel giugno 1996, la Juventus '48 Torino vinse qui in casa la Coppa CEB di quell'anno, trofeo disputato tra club non qualificati per la Coppa dei Campioni.

Nella notte del 20 marzo 2003, parte della copertura dello stadio subì un cedimento strutturale. A seguito di ciò, un anno dopo venne rimossa la copertura in cemento armato, mentre due anni dopo venne ultimata una nuova copertura in legno.[3]

Lo stadio tornò ad ospitare un evento maggiore di rilevanza internazionale nel settembre del 2009, quando vennero disputate tre partite dei Mondiali 2009, tra cui la sfida tra Italia e Stati Uniti terminata 3-12 in favore dei nordamericani.[4] In occasione della competizione, l'impianto fu rinnovato con una serie di interventi.[5]

In occasione degli Europei 2021, organizzati in Piemonte nelle sedi di Torino, Avigliana e Settimo, lo stadio torinese ha ospitato tredici incontri, tra cui la finalissima e la finale per il terzo posto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Un impianto polivalente, su grizzlies.it.
  2. ^ Il Diamante di Torino, su torino.corriere.it, 31 agosto 2020.
  3. ^ Rinnovato il "diamante" di via Passo Buole, su comune.torino.it, 19 aprile 2005.
  4. ^ Italia, l'addio con una lezione dei maestri, su archiviostorico.gazzetta.it, 21 settembre 2009.
  5. ^ Stadio del baseball, su museotorino.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]