Stadio olimpico Atatürk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stadio Olimpico Atatürk)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri stadi che portano il nome Atatürk, vedi Stadio Atatürk.
Stadio olimpico Atatürk
Istanbul Atatürk Olympic Stadium 2.jpg
UEFA 4/4 stelle
Informazioni
StatoTurchia Turchia
Ubicazioneİkitelli, Istanbul
Inizio lavori1998
Inaugurazione13 dicembre 2001
Mat. del terrenoErba
Dim. del terreno105 x 68 m
ProprietarioRepubblica Turca
Gestoreİstanbul Başakşehir Futbol Kulübü
ProgettoMichel Macary, Aymeric Zublena
Uso e beneficiari
CalcioTurchia Turchia
(2001-presente)
İstanbul B.B.
(2007-2014)
Galatasaray
(2003-2004)
Beşiktaş
(2013-2016)
Capienza
Posti a sedere75145
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°04′28.1″N 28°45′56.53″E / 41.074472°N 28.765703°E41.074472; 28.765703

Lo Stadio olimpico Atatürk, noto anche come Atatürk Olimpiyat Stadyumu è un impianto di Istanbul che contiene 75.145 posti a sedere, che lo fanno essere lo stadio turco più capiente. Si trova nel Distretto di Başakşehir, nella parte europea della città, ed è raggiungibile con la Linea M3 della metropolitana di Istanbul dalla fermata Olimpiyat Stadi.

Costruito a partire dal 1999 con l'obiettivo di ospitare prima una futura edizione dei Giochi olimpici, poi una del campionato europeo di calcio, fu inaugurato ufficialmente il 31 luglio 2002; la sua costruzione è costata complessivamente 130 milioni di lire turche.

L'Atatürk ha ottenuto dalla UEFA la certificazione di "stadio a 4 stelle" per le sue moderne infrastrutture, ed è inoltre è certificato dalla IAAF per ospitare manifestazioni di atletica leggera. Nella sua storia ha ospitato la finale della UEFA Champions League 2004-2005 e ospiterà quella dell'edizione 2019-2020[1], oltre alle gare interne della Nazionale e di molte delle squadre cittadine: il Galatasaray, il Beşiktaş e l'İstanbul B.B..

Eventi ospitati[modifica | modifica wikitesto]

Panoramica dello stadio.

Durante le stagioni sportive 2002-2003 e 2003-2004, il Galatasaray disputò qui le proprie gare casalinghe a causa delle carenze del suo stadio di casa, l'Ali Sami Yen. Ciò nonostante dalla stagione successiva tornò al suo vecchio domicilio, a causa delle proteste dei propri tifosi e delle squadre avversarie per la lontananza dello stadio e la mancanza di infrastrutture sufficienti nei paraggi dello stadio. Dopo l'effettivo completamento di tutti i lavori necessari, lo stadio fu pronto nel 2005 a ospitare il primo grande evento sportivo su scala mondiale: la finale della UEFA Champions League 2004-2005. Nella stagione 2006-2007, lo stadio ha ospitato le gare casalinghe di Champions League del Galatasaray.

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Finale della UEFA Champions League 2004-2005.

Il nome[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio porta il nome di Mustafa Kemal Atatürk, fondatore e primo presidente della Repubblica Turca. Letteralmente Atatürk significa Padre dei Turchi.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ UEFA.com, Istanbul ospiterà la finale di UEFA Champions League 2020, in UEFA.com. URL consultato il 24 maggio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]