Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Spyridōn Marinatos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Spyridon Marinatos)
Jump to navigation Jump to search

Spyridōn Nikolaou Marinatos (in greco Σπυρίδων Νικολάου Μαρινᾶτος; Līxouri, 4 novembre 1901Santorini, 1º ottobre 1974) è stato un archeologo greco fra i maggiori del ventesimo secolo.

Immagine da satellite dell'isola di Santorini

La sua fama è principalmente dovuta agli scavi presso l'isola di Thera, l'attuale Santorini, durante i quali riportò alla luce i resti di una città Minoica, Akrotiri, distrutta e contemporaneamente conservata da un'imponente eruzione vulcanica. Marinatos sostenne, inoltre, che il mito di Atlantide non sarebbe altro che la memoria, deformata e ingigantita, dell'antica Civiltà Minoica, teoria supportata e analizzata da molti altri studiosi nel corso dello scorso secolo.

Marinatos è stato Ministro della Cultura durante la Dittatura dei colonnelli. Ha scritto, inoltre, vari libri sul tema della civiltà minoica

Nel 1967 vinse il Premio Herder.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kunst und Religion im alten Thera, di Nanno Marinatos, Mathioulakis & Co. KG, Athen, 1987
  • Kreta, Thera und das mykenische Hellas, di Spyridon Marinatos, Hirmer, München, 1986
  • Some Words about the Legend of Atlantis, di Spyridon Marinatos, Chrys Papachrysanthou, Atene, 1971
  • L'uomo di Atlantide - Mario La Ferla (sulla strana morte di Marinatos) http://www.lostinn.com/lworld/marinatos.htm
  • Quel maledetto imbroglio di via Telniches - (sulla strana morte di Marinatos) http://www.antikitera.net/articoli.asp?ID=37
  • Alla ricerca della tomba perduta - (sulla sparizione della tomba di Marinatos) http://www.antikitera.net/articoli.asp?ID=60
  • Il ritrovamento della vera Atlantide - Charles Pellegrino (Thera: nascita, esplosione, scoperta, scavi di Akrotiri, frammenti biografici dei personaggi coinvolti)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN98034211 · ISNI (EN0000 0001 0928 0844 · LCCN (ENn50040845 · GND (DE116781173 · BNF (FRcb12137084s (data) · ULAN (EN500322105 · BAV ADV10192322