Spurio Postumio Albino Magno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Spurio Postumio Albino Magno
Nome originaleSpurius Postumius Albinus Magnus
GensPostumia
Consolato148 a.C.

Spurio Postumio Albino Magno[1] (latino: Spurius Postumius Albinus Magnus) (... – ...) è stato un politico romano.

Una porzione della via Postumia, ricostruita sotto l'Arco dei Gavi a Verona.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu eletto console nel 148 a.C. con Lucio Calpurnio Pisone Cesonino. In quell'anno vi fu un grave incendio in Roma. È lo Spurio a cui si riferisce Cicerone nel suo Brutus, ricordando che si trovavano ancora molte sue orazioni.

Durante il suo consolato diede inizio alla costruzione della Via Postumia, che da lui prende il nome.

Note[modifica | modifica wikitesto]