Spremiagrumi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Semplice modello di vetro

Lo spremiagrumi è uno strumento utilizzato in cucina per spremere gli agrumi al fine di ricavarne il succo.

Tipi[modifica | modifica wikitesto]

Esistono due tipi di spremiagrumi basati sullo stesso principio di funzionamento che si differenziano in base a come viene prodotto il movimento: manuale ed elettrico.

Spremiagrumi manuale[modifica | modifica wikitesto]

Di concezione e fattura molto semplice, è quasi sempre in materiale plastico. Si compone di una parte superiore conica e una parte inferiore recipiente che serve per raccogliere il succo del frutto che si sta spremendo.

Spremiagrumi elettrico

Il succo viene ricavato tagliando in due parti l'agrume e spremendo l'emisfera sulla parte superiore conica, usandolo a mo' di cuneo, e imprimendo un movimento rotatorio per frizionare l'intera polpa dell'emisfera sul cono.

Spremiagrumi elettrico[modifica | modifica wikitesto]

Lo spremiagrumi elettrico evita la necessità di imprimere il movimento rotatorio manuale all'agrume: è la parte superiore conica a muoversi, azionata da un motore elettrico. La pressione esercitata sull'agrume appoggiato al cono chiude un contatto elettrico azionando il motore che incomincia a girare. Di estrema praticità, negli ultimi anni sta avendo una crescente diffusione anche nelle cucine degli italiani.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rapporto Coop 2015 - Riparte l'elettronica di consumo, su rapportocoop.it. URL consultato il 12 giugno 2016.
    «Ancora più interessante il boom messo a segno da spremiagrumi e centrifughe (+16,5% in volume), a suggerire un crescente interesse degli italiani per una forma di alimentazione sempre più attenta alla salute, alla naturalità ed alla integrità degli ingredienti di base.».

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4694928-8
Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina