Sposalizio mistico di santa Caterina da Siena (Beccafumi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sposalizio mistico di santa Caterina da Siena
Domenico Beccafumi 031.jpg
AutoreDomenico Beccafumi
Data1528 circa
Tecnicaolio su tavola
Dimensioni310×230 cm
UbicazionePalazzo Chigi-Saracini, Siena

Lo Sposalizio mistico di santa Caterina da Siena è un dipinto a olio su tavola (347x225 cm) di Domenico Beccafumi, databile al 1528 circa e conservato a palazzo Chigi-Saracini di Siena.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La pala è ricordata solo dal 1538-1539 nella chiesa di Santo Spirito a Siena sulla cappella dei Dell'Orafo. Ricordata da Vasari, che apprezzò soprattutto i riverberi nelle vesti dei santi, era dotata anticamente di predella, oggi smembrata e dispersa. Tra i pannelli riconosciuti che ne sono due nel Philbrook Museum of Art di Tulsa (collezione Kress), due nel Museum of Fine Arts di Boston e due già in collezione Scharf a Londra e oggi al Getty Museum (Samminiatelli). Due bozzetti esistono nel Gabinetto dei Disegni e delle Stampe agli Uffizi.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Sotto un baldacchino sorretto da angeli Maria in trono, in cima a una gradinata, guarda il figlio bambino che inanella santa Caterina da Siena, inginocchiata a destra. Assistono alcuni santi disposti in un'ordinata simmetria, tra cui si riconoscono in primo piano i santi Pietro e Paolo. Attorno al trono si vedono san Sigismondo, san Domenico, san Giovannino, san Bernardino da Siena e santa Caterina d'Alessandria, omonima della santa senese da cui deriva l'iconografia del "matrimonio mistico".

Il tono è quello posato e soenne della Madonna del Baldacchino di Raffaello e delle opere di Fra Bartolomeo, con cui l'artista senese sembra volersi misurare. Tutta sua è invece la particolare orchestrazione luminosa e cromatica, fatta di un'alternarsi tra zone di profonda ombra e altre illuminate, nonché di colori tenui e cangianti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anna Maria Francini Ciaranfi, Beccafumi, Sadea Editore/Sansoni, Firenze 1967.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pittura