SpongeBob - Fuori dall'acqua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
SpongeBob - Fuori dall'acqua
The SpongeBob Movie Sponge Out of Water logo.png
Logo originale
Titolo originaleThe SpongeBob Movie Sponge Out of Water
Paese di produzioneUSA
Anno2015
Durata92 min
Genereanimazione, commedia, fantastico, avventura, azione, musicale
RegiaPaul Tibbit (scene d'animazione), Mike Mitchell (scene live action)
SceneggiaturaJonathan Aibel, Glenn Berger
ProduttorePaul Tibbitt, Mary Parent
Produttore esecutivoStephen Hillenburg, Cale Boyter, Nan Morales, Craig Sost, Gina Shay, Derek Drymon
Casa di produzioneParamount Pictures, Nickelodeon Movies, United Plankton Pictures
FotografiaPhil Meheux
MontaggioDavid Ian Salter
MusicheJohn Debney
ScenografiaLuke Freeborn
CostumiRoland Sanchez
StoryboardStephen Hillenburg, Derek Drymon, Tim Hill, Kent Osborne, Aaron Springer, Paul Tibbit
Art directorVincent Waller
Character designTodd White, Carey Yost
AnimatoriSherm Cohen, Tom Yasumi, Alan Smart
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Premi
Kids' Choice Awards 2015

SpongeBob - Fuori dall'acqua (The SpongeBob Movie Sponge Out of Water) è un film d'animazione statunitense, diretto da Paul Tibbit e uscito nelle sale nel 2015. È il secondo film d'animazione basato sull'omonima serie televisiva di Nickelodeon, SpongeBob SquarePants diretto da Paul Tibbit. Il film è stato realizzato a tecnica mista: tradizionale, grafica computerizzata e con sequenze dal vivo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un pirata di nome Barba-Burger si reca su un'isola alla ricerca di un libro magico in grado di trasformare in realtà ogni cosa scritta su di esso. Il libro racconta la storia di SpongeBob SquarePants, una spugna di mare amante del suo impiego di cuoco al Krusty Krab, ristorante fast food, e da tempo custode della formula segreta del Krabby Patty, formula che più volte ha rischiato di essere rubata da Plankton, ex amico d'infanzia ed ora acerrimo nemico di Mr. Krab.

Nella città sottomarina di Bikini Bottom, Spongebob e il Krusty Krab sono sotto attacco di Plankton, che vuole vendicarsi su Spongebob per averlo sbattuto in carcere, e sta tentando di rubare la formula per riavere di nuovo il controllo cerebrale di Bikini Bottom. Dopo una battaglia a suon di alimenti e condimenti, Plankton dichiara la sua resa e consegna una moneta a Mr. Krab, che verrà subito deposita nella cassaforte dove è custodita la formula segreta. Ma all'interno della moneta è nascosto il vero Plankton, che sembra arrivato ormai al trionfo: infatti, mentre il clone di Plankton piange fuori dal ristorante distraendo Mr. Krab, SpongeBob sorprende il vero Plankton in fuga con la formula segreta.

A questo punto SpongeBob e Plankton cominciano a contendersi la bottiglietta contenente la formula quando quest'ultima, improvvisamente, scompare. Mr. Krab e gli altri cittadini cominciano a scagliarsi contro Plankton per riavere la ricetta, ma nessuno sembra credere alla sua innocenza eccetto SpongeBob (che peraltro è stato testimone insieme a Plankton dell'improvvisa scomparsa della formula) che interverrà e metterà in salvo Plankton con una gigantesca bolla di sapone. Senza la ricetta e senza SpongeBob non ci sono più Krabby Patty ed i clienti entrano in uno stato di isteria collettiva scatenando il caos totale nella città. Successivamente SpongeBob propone a Plankton di formare un team di lavoro per salvare Bikini Bottom. Plankton è inizialmente riluttante, ma accetta. Il duo decide di andare al Chum Bucket a salvare Karen, computer e moglie di Plankton, per poterla usare come fonte di alimentazione per una macchina del tempo che li riporterà all'attimo prima che la formula sparisse. Il team assembla la macchina (una parodia del TARDIS di Doctor Who) in un ristorante taco abbandonato, ma viaggiano accidentalmente lontano nel futuro, dove incontrano Bubbles, un delfino magico il cui compito è quello di sorvegliare il cosmo. Alla fine i due riescono a recuperare la formula, ma si scoprirà essere soltanto il falso che Plankton aveva lasciato nella cassaforte come sostituto della vera formula.

Intanto Barba-Burger, che ha rimosso la pagina finale del libro e riscritto la storia in modo da ottenere per sè la formula, trasforma la sua nave in un camion di cibo ambulante per vendere i Krabby Patties su una spiaggia di nome Sandy Shoals. La pagina finale, che Barba-Burger aveva gettato nell'oceano, atterra sulla cupola di Sandy Cheeks, scoiattolina amica di SpongeBob, che comincia ad impazzire per la mancanza di Krabby Patties. Sandy pensa che la pagina è un segno dagli 'Dei dei sandwiches', e suggerisce di attuare un sacrificio per placare la loro ira. La città cerca quindi di sacrificare SpongeBob quando un odore di Krabby Patties porta S quest'ultimo, Mr. Krabs e la folla a seguirne il profumo fino a giungere in superficie. A questo punto Bubbles, che a causa di SpongeBob aveva perso il suo lavoro come sorvegliante dell'universo, torna da SpongeBob per ringraziarlo: infatti il delfino si è reso conto di odiare il suo vecchio lavoro ed è ora felice di essere stato licenziato. Come ringraziamento, concede a SpongeBob e ai suoi amici la capacità di respirare sulla terra. La squadra, pedinata da Plankton che si è nascosto in un calzino di SpongeBob, entra nella bocca di Bubbles che li spara dal suo sfiatatoio e atterrano sulla spiaggia di Sandy Shoals.

Il team individua il pirata Barba-Burger che però, utilizzando il libro, li relega a Pelican Island per toglierli di mezzo. Usando l'inchiostro di Squiddy e la pagina finale del libro magico che era stata gettata in mare, SpongeBob riscrive la storia trasformando l'intera squadra in supereroi dotati ognuno di poteri speciali. Una volta tornati sulla spiaggia di Sandy Shoals, si mettono tutti a dare la caccia a Barba-Burger, incluso Plankton, che era stato lasciato su Pelican Island, e che ora è diventato un supereroe verde e muscoloso. Alla fine la ricetta verrà recuperata, e dopo aver finalmente compreso i valori del lavoro di squadra, Plankton la riconsegna a Mr. Krabs e, grazie al libro magico, SpongeBob ed i suoi amici tornano normale e vengono rispediti a Bikini Bottom. Con il recupero della formula, i clienti riprendono ad ordinare numerosi Krabby Patties e Plankton ri-assume il suo ruolo di rivale in affari, riportando le cose alla normalità.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2015, durante un'intervista sul successo finanziario del film, Megan Collison, presidente della Paramount, ha dichiarato che l'idea di un terzo film è "un'ottima scommessa".

In seguito, il 2 novembre 2015, è stato confermato l'annuncio di un terzo film. Si intitolerà Spongebob 3 e sarà per lo più in stile CGI/Live action. La data di uscita è prevista per il 2020.

Videogioco[modifica | modifica wikitesto]

Un videogioco con una trama impostata sul film, dal titolo SpongeBob Heropants , è stato rilasciato nel Nord America il 3 febbraio 2015 per Nintendo 3DS, Xbox 360 e PlayStation Vita. Il gioco è stato pubblicato dalla Activision. Un gioco per cellulare, dal titolo The SpongeBob Movie Game: Sponge on the Run, è stato rilasciato il 22 gennaio 2015 per iOS e Android. Si tratta di un gioco di corsa senza fine basato sul film ed è simile a Temple Run e Cattivissimo Me: Minion Rush.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità e citazioni[modifica | modifica wikitesto]

La parte iniziale del film, in cui Spongebob e Patrick difendono il Krusty Krab dall'attacco aereo di Plankton è un chiaro riferimento ad una classica battaglia della guerra del Pacifico, nella Seconda Guerra Mondiale. Inoltre, la Bikini Bottom post apocalittica è un chiaro riferimento a Interceptor. E nella scena dove Plankton entra nel cervello di Spongebob si vedono due gelati chiedergli "Ciao, Plankton, Vieni a giocare con noi?" riferimento alla famosa scena delle gemelle in Shining e inoltre il delfino Bubbles ha una collana con un ciondolo con la forma del segno degli Illuminati e anche il triangolo da cui Bubbles osserva lo spazio ha la forma degli Illuminati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kids Choice Awards 2015: Ecco tutti i vincitori!, su www.gingergeneration.it. URL consultato il 20 aprile 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]