Spedizione di Waddan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Spedizione di Waddan
parte guerre di espansione islamica
Data30 dicembre 623
LuogoWaddan
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La spedizione di Waddan [1] ebbe luogo il 12° giorno di Rajab del secondo anno dell'Egira [1] o in Safar dello stesso anno [2]. Maometto guidò una forza di 70 uomini e, giunto a Waddan, i Quraysh non erano presenti. Tuttavia, i Banu Damrah incontrarono Maometto e stabilirono un accordo di pace per la cooperazione e la sicurezza reciproche [1][2]. Non ci furono combattimenti durante questa spedizione [1][2][3] .

Dopo che Maometto e i suoi seguaci emigrarono a Medina nel 622, i musulmani attaccarono alcune carovane dei Quraysh che viaggiavano dalla Siria alla Mecca. Durante la pattuglia di Waddan, una forza musulmana cercò una delle carovane dei Quraysh, ma non riuscì a ingaggiarla. La spedizione incontrò nella zona un gruppo di uomini del clan Banu Damrah della tribù Banu Kinanah, e iniziarono le trattative tra i due schieramenti. Fu allora che venne stipulato un patto di amicizia tra i musulmani e i Banu Damrah.[3]

Secondo lo studioso musulmano Muhammad al-Zurqani, il trattato recitava:

«Questo documento proviene da Muhammad, il Messaggero di Allah, riguardo ai Banu Damrah in cui [Muhammad] stabilisce per loro la salvaguardia e la sicurezza delle loro ricchezze e delle loro vite. Possono aspettarsi il sostegno dei musulmani a meno che non si oppongano alla religione di Allah. Ci si aspetta anche che rispondano positivamente se il Profeta chiede il loro aiuto." [2]»

Il trattato stabiliva che entrambe le parti non potevano attaccarsi a vicenda, unirsi a confederazioni ostili l'una all'altra o sostenere i nemici l'una dell'altra. William Montgomery Watt vedeva questo come un tentativo deliberato di Maometto di provocare i Meccani.[4]

  1. ^ a b c d (EN) Afzalur Rahman, Muhammad As a Military Leader, Kazi Publications, 1993, p. 119, ISBN 9781567441468.
  2. ^ a b c d (EN) Safiurahman Al-Mubaraki, The Sealed Nectar, Dar-us-Salam, 1996, p. 203, ISBN 9781484974858.
  3. ^ a b (EN) Muhammad Husayn Haykal, The Life of Muhammad, Islamic Book Trust, maggio 1994, pp. 195, 217, ISBN 978-983-9154-17-7.
  4. ^ (EN) William Montgomery Watt, Muhammad at Medina, Oxford University Press, 1956, p. 4, ISBN 978-0-19-577307-1.