Specie invasive in Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le specie invasive in Italia sono specie aliene di animali, vegetali e funghi che sono riuscite ad adattarsi in maniera eccellente a specifici habitat interni al territorio nazionale causando danni all'ecosistema e/o alle popolazioni umane.

Esemplare di palma infestata dal punteruolo rosso con il tipico portamento della chioma "ad ombrello aperto".

Origine del problema[modifica | modifica wikitesto]

Le invasioni biologiche sono una minaccia emergente e vengono oggi considerate una delle cinque principali cause della perdita di biodiversità, insieme alla distruzione degli habitat, allo sfruttamento eccessivo delle risorse, ai cambiamenti climatici e all'inquinamento. Alcune specie sono state introdotte in Italia volontariamente, come animali domestici o piante ornamentali, mentre altre sono giunte involontariamente attraverso gli scambi commerciali o rotte turistiche. Non tutte le specie aliene ovvero alloctone sono necessariamente invasive: lo sono quando entrano spesso in contrasto con specie locali, ovvero autoctone e la convivenza diviene competitiva. Spesso le specie locali sono più sofferenti in questa competizione e soccombono o diventano minoritarie nel loro habitat naturale. La fauna e la flora italiana sono già ricche di animali e piante introdotti più o meno volontariamente a partire dall'antichità; se l'introduzione è molto antica è talora molto difficile capire se la specie è indigena o meno: è il caso, ad esempio, della carpa, presente su tutto il territorio nazionale ed introdotta probabilmente al tempo dell'Impero Romano.

Alcune specie animali invasive in italia
Tipo e specie   Note
Gambusia affinis.jpg

Gambusia

È un pesce tropicale di piccole dimensioni, nativo dei bacini del golfo del Messico (Mississippi), acque dolci e salmastre, lente e paludose. È stato introdotto in Italia a partire dalla prima metà del XX secolo, intorno agli anni '20-'30 nella speranza che eliminasse le uova di zanzara di cui si ciba. A tal fine, le Aziende Sanitarie hanno promosso l'immissione di questa specie nei laghi, pozze d'acqua, fontane e stagni. Oggi la sua capacità della gambusia nella difesa contro le zanzare è messa in discussione[senza fonte], mentre crea danni ecologici poiché minaccia la sopravvivenza delle specie native. I danni sono legati alla competizione con gli altri pesci e crostacei e alla predazione di insetti nativi. Inoltre la gambusia è un potenziale ospite di parassiti, che vengono poi trasmessi ai pesci nativi.
Jammlich crop.jpg

Felis catus

Gli esemplari domestici o reinselvatichiti predano la fauna locale. Il gatto ha impatti predatori altissimi: è la specie al mondo che ha provocato più estinzioni, cacciando uccelli, lucertole, anfibi, tutti i piccoli vertebrati. Un singolo esemplare femmina può partorire fino a dodici cuccioli l'anno e raggiunge la maturità sessuale a soli sei mesi di età. I tentativi attualmente in atto per ridurre il numero dei gatti di strada sono insufficienti. La tecnica di gestione della popolazione selvatica attraverso la sterilizzazione (o TNR: Trap-Neuter-Return, ossia cattura, sterilizzazione e rilascio) impedisce ad alcuni gatti di riprodursi, ma non di predare la fauna selvatica. È inserito nella lista delle cento specie invasive molto dannose.
Tortoise1 cepolina.jpg

Tartaruga dalle orecchie rosse

È la piccola tartaruga originaria della Florida che si trova spesso nei negozi d'animali. Se nutrita adeguatamente, può raggiungere i 30 centrimetri di lunghezza. Viene spesso liberata perché difficile da gestire in un ambiente domestico. In Italia è stata introdotta anche a fini ornamentali nei laghetti e stagni dei parchi urbani. Questa specie provoca seri danni all'ecosistema poiché predatore di invertebrati e delle loro larve oltre che di anfibi, pesci e uccelli acquatici. È inoltre ritenuta concausa della diminuzione degli esemplari dell'autoctona Emys orbicularis. Si stima che in Italia ogni anno giungano circa 900.000 testuggini l'anno e l'abnorme diffusione degli esemplari, negli specchi, corsi d'acqua, finanche nelle fontane e laghi dei parchi pubblici è dovuta esclusivamente al continuo rilascio di esemplari adulti o subadulti[1].
Markeaton Park squirrel 2.jpg

Scoiattolo grigio

Questo scoiattolo, autoctono in nord America, è arrivato in Italia come animale da compagnia. Ne sussistono attualmente tre popolazioni isolate: una a Candiolo (in provincia di Torino), introdotta nel 1948 ed in forte espansione nonostante i progetti di eradicazione[2][3]; una a Genova Nervi in Liguria, introdotta nel 1966; la terza, introdotta nel 1994 a Trecate in Piemonte[4], diffusasi poi oltre il Ticino, entrando in Lombardia dove è ora a presente a Legnano, Rho e Monza, in particolare nei parchi urbani. Lo scoiattolo grigio costituisce una grave minaccia per lo scoiattolo rosso con cui compete e al quale può trasmettere alcune malattie. Dove arriva lo scoiattolo grigio molto spesso lo scoiattolo rosso si estingue. Lo scoiattolo grigio può anche causare danni agli alberi ed economicamente può avere un notevole impatto sulle coltivazioni di noccioli e pioppi.
Aedes Albopictus.jpg

Zanzara tigre

Originaria del sud-est asiatico, questa zanzara ha sfruttato i trasporti commerciali umani per diffondersi in molte zone del mondo. Alla metà del XX secolo si diffuse in Africa e nel Medio Oriente e a seguire in America meridionale, negli Stati Uniti d'America, in Oceania e per ultima in Europa. I primi esemplari riprodotti in Europa sono stati ritrovati in Albania nel 1988)[senza fonte], mentre in Italia comparve 10 anni dopo a Genova, in un deposito di pneumatici usati, importati dall'estero[senza fonte]. Da qui si è diffusa praticamente in tutta la penisola, in particolare in Romagna e diffondendosi anche in Francia, Spagna e Svizzera. La diffusione è capillare anche in tutte le città portuali europee. L'Italia è il paese più colpito in Europa dalla zanzara tigre[senza fonte]. L'insetto risulta essere il vettore di circa 20 virus diversi, come febbre gialla e la chikungunya. La comparsa di quest'ultima febbre nel 2007 in Italia settentrionale «ha dimostrato la complessità del problema>> [senza fonte]. Le proiezioni dei cambiamenti climatici mostrano che la zanzara tigre probabilmente si diffonderà ancora, in particolare nel Mediterraneo, ma anche più a Nord[senza fonte].
Procambarus clarkii.jpg

Gambero rosso della Louisiana

Originario dell'America del nord, e più precisamente della Louisiana, in Italia fu importato in Toscana da un'azienda di Massarosa, vicino al Lago di Massaciuccoli, per un tentativo di commercializzazione. Si è poi diffuso, dopo esser sfuggito al controllo degli allevamenti, anche in alcune zone del Lazio, dell'Umbria, del Piemonte, dell'Emilia, della Lombardia della Calabria e del Veneto. Particolarmente tollerante ai cambiamenti ambientali e di costituzione robusta, questa specie sta mettendo a repentaglio la sopravvivenza del gambero di fiume italiano (Austropotamobius pallipes). Queste caratteristiche gli hanno valso il nome di “gambero killer” con il quale è noto nelle regioni centro-settentrionali d'Italia dove la sua espansione è cominciata soprattutto a partire dagli anni Novanta.
Rhynchophorus ferrugineus maschio2.JPG

Punteruolo rosso

Responsabile di seri danni alle coltivazioni di Cocos nucifera nell'Asia sudorientale, tramite commercio di piante infette ha raggiunto quasi tutti i paesi del bacino meridionale del Mar Mediterraneo dove sta distruggendo le palme (a onor del vero anch'esse non autoctone). I trattamenti chimici curativi richiedono l'impiego di insetticidi sistemici e una diagnosi precoce dell'infestazione; trattamenti curativi tardivi, oltre ad essere inutili per risolvere l'attacco nella pianta infestata, sono anche di scarsa efficacia. L'impiego di antagonisti naturali è ancora in fase di studio e al momento non ci sono ancora prospettive di applicazione significative. Scarsi risultati hanno finora prodotto le ricerche in merito alla possibilità di sfruttamento della tecnica del maschio sterile.
Vespa velutina nigrithorax

Vespa velutina

Una specie straniera di recentissima introduzione è il calabrone asiatico, la Vespa velutina nigrithoraxis[5]. I ricercatori europei hanno lanciato l'allarme, in quanto questo insetto può avere un grosso impatto sulle api autoctone e di conseguenza sull'apicoltura, settore già colpito negli ultimi anni dalla forte diminuzione di esemplari di questi imenotteri. Il calabrone asiatico attacca le api da miele europee, soprattutto nel periodo fra giugno e settembre. Vale la pena ricordare che circa l'84% delle specie di piante e il 76% della produzione alimentare in Europa dipende dall'impollinazione delle api. La Vespa velutina nigrithoraxis è stata ufficialmente definita come persistente in Francia nel 2005; prima della fine del 2006 era presente nella regione dell'Aquitania e infine si è stabilita definitivamente nell'area sudoccidentale del Paese. Poi è arrivata in Spagna e sporadicamente è stata osservata in Italia. L'ipotesi più probabile è che questo calabrone asiatico sia arrivato insieme a della merce cinese dallo Yunnan, favorita dalle condizioni climatiche dell'Europa meridionale, simili a quelle dell'Asia continentale. Di fronte all'emergenza scatenata dall'arrivo di questa nuova specie invasiva, i Paesi Ue saranno chiamati a creare un meccanismo di coordinamento, che farà riferimento a servizi già esistenti, come servizi fitosanitari nazionali e servizi regionali come le A.R.P.A.. Tuttavia ad oggi non è ancora chiaro il quadro di ruoli e competenze istituzionali.
Alcune specie vegetali invasive in italia
Tipo e specie   Note
Ambrosia artemisiifolia young plant 002.JPG

Ambrosia

Specie nordamericana con un enorme potere allergenico. Circa il 10-20% di quanti soffrono di allergia al polline ne vengono colpiti e le reazioni arrivano anche a 200 chilometri di distanza dalla pianta[senza fonte]. Essa ha inoltre effetti sinergici anche con altre specie allergeniche. In Lombardia i problemi causati da Ambrosia artemisiifolia hanno particolare rilevanza sotto l'aspetto sanitario, data la notevole diffusione sul territorio cittadino e l'elevato numero di persone colpite per questo. Dal 1999 un'ordinanza regionale impone lo sfalcio nel periodo della crescita precedente la fioritura, con multe fino a 500€ per i contravventori. Nel 2013 la provincia di Milano ha sostenuto due milioni di euro di spesa sanitaria per l'allergia causata dall'ambrosia[6]. Un rapporto dell'Agenzia europea dell'ambiente ha lanciato l'allarme su un fenomeno in aumento, che provoca rischi a livello ambientale, economico e sulla salute umana[senza fonte].
Götterbaum (Ailanthus altissima).jpg

Ailanto

Detto anche albero del paradiso è una pianta decidua appartenente alla famiglia delle Simaroubaceae, nativa della Cina nordoccidentale e centrale e di Taiwan. La pianta fu introdotta in Europa con un entusiasmo iniziale per la grande resistenza anche in ambienti degradati e difficili per altri alberi. La prospettiva però mutò a causa della grande capacità pollonante dell'ailanto e la sua tendenza a diffondersi spontaneamente. Sfuggendo alle coltivazioni è infatti presente come specie naturalizzata in molte regioni d'Europa e degli Stati Uniti e in altre zone al di fuori del suo areale originario. L'ailanto è spesso una specie invasiva, grazie alla sua capacità di colonizzare rapidamente aree disturbate e soffocare i competitori inibendo il loro sviluppo con sostanze allelopatiche dalle radici. In Australia, negli Stati Uniti d'America, in Nuova Zelanda e in numerosi paesi dell'Europa meridionale e dell'Europa orientale, è considerata una specie molto invasiva e quindi nociva per gli ambienti naturali. La sua eradicazione è difficile, perché l'albero ricaccia vigorosamente se tagliato; la lotta contro l'ailanto è necessaria solo dove esso entra in competizione con piante autoctone. In aree antropizzate, come le alberature cittadine e i bordi delle strade, la necessità della lotta va valutata caso per caso, a seconda se ci sia oppure no un pericolo di diffusione in ambienti naturali; se tale pericolo è assente, non ha senso investire risorse per eliminare questa specie.
Robinia pseudoacacia Bielsko-Biała.JPG

Robinia

È una pianta della famiglia delle Fabaceae originaria dell'America del Nord dove forma boschi puri. Fu importata in Europa nel 1601 a fine del XVIII secolo in Italia sia per stabilizzare il terreno che per scopo ornamentale in parchi e giardini. Dal Novecento è considerata come naturalizzata e entità integrante della flora italiana[7]. La robinia è da considerarsi alla stregua di altri alberi introdotti nei secoli passati e poi acclimatatisi, apprezzabili per le loro qualità; intraprendere una lotta contro essa in queste situazioni non avrebbe senso[8][9].Oggi in vaste aree della pianura Padana, tende a sostituire i pioppi e i salici autoctoni che crescevano lungo le rive dei fiumi. Costituisce boschi puri o misti in tutte le aree planiziali e pedemontane della Padania; si trova inoltre lungo le rive di rogge e torrenti e cresce bene su suoli sabbiosi.
Amerikaanse vogelkers bessen Prunus serotina.jpg

Prugnolo tardivo

Il ciliegio o prugnolo tardivo è un albero alto fino a 20 metri con fiori a grappoli bianchi e bacche scure a maturità, originaria dell’America settentrionale e centrale. Introdotto in Francia e Gran Bretagna all'inizio del XVII secolo come pianta ornamentale e successivamente, alla fine del XIX secolo, come pianta forestale per incrementare la produzione sui suoli sabbiosi e per il ripristino delle aree minerarie. Sfuggendo al controllo si è espansa in molte aree dell'Europa continentali. Il prugnolo tardivo è molto competitivo, colonizza i margini e l’interno dei boschi, i prati, gli incolti. Alla prima interruzione o riduzione nella copertura vegetale, prendo il sopravvento sulle specie native impoverendo così la biodiversità. Compone fitti boschi puri anche grazie al fatto che le radici rilasciano nel suolo sostanze in grado di inibire la germinazione e lo sviluppo di altre specie arboree e erbacee. Compete con le specie native soprattutto nella fase di rinnovazione naturale del bosco; dal punto di vista economico ciò determina costi aggiuntivi nella gestione forestale. In Italia si trova unicamente in Insubria, in un areale che spazia dalla Sesia all'Adda, seppur in espansione verso Pinerolo (a ovest) e Bergamo (a ovest).[10].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ferri V. & Di Cerbo A.R. 2000. La Trachemys scripta elegans (Wied, 1839) negli ambienti umidi lombardi: inquinamento faunistico o problema ecologico? In: “Atti I Congr. naz. S.H.I. (Torino, 1996)”. Museo Regionale di Scienze Naturali, Torino: 803-808.
  2. ^ Progetto di eradicazione dello Scoiattolo grigio (Sciurus carolinensis) dal territorio piemontese Archiviato il 16 aprile 2007 in Internet Archive.
  3. ^ Gli scoiattoli e la globalizzazione, documentario
  4. ^ Spagnesi M., De Marinis A.M. (a cura di), Mammiferi d'Italia - Quad. Cons. Natura n.14 (PDF)[collegamento interrotto], Ministero dell'Ambiente - Istituto Nazionale Fauna Selvatica, 2002.
  5. ^ Ansa
  6. ^ Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale)[collegamento interrotto]
  7. ^ Nuovo giornale botanico italiano, edito dalla Società botanica italiana, 1950, p. 379: <<È ormai così largamente naturalizzata a Roma e dintorni, da dover esser considerata come entità integrante della flora italiana>>
  8. ^ Tentativo di una valutazione globale della robinia
  9. ^ Valutazione della tolleranza della robinia in aree protette
  10. ^ M. Colaone, Prunus serotina: l’albero più invasivo mai giunto in Insubria?, in Terra Insubre, n°83, Varese, 2017

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Ecologia e ambiente Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ecologia e ambiente