Guerre dell'oppio: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
mNessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Le guerre giunsero al culmine di annose dispute commerciali tra i due Paesi: in risposta alla penetrazione commerciale britannica che aveva aperto il mercato cinese all'[[oppio]] proveniente dall'[[Impero anglo-indiano|India britannica]], la Cina inasprì i propri divieti sulla droga e ciò scatenò il conflitto.
 
Sconfitto in entrambe le guerre, l'Impero cinese fu costretto a tollerare il commercio dell'oppio e a firmare con i britannici i [[trattato di Nanchino|trattati di Nanchino]] e di [[Trattati di Tientsin|Tientsin]], che prevedevano l'apertura di nuovi porti al commercio e la cessione dell'[[Hong Kong (isola)|isola di Hong Kong]] al Regno Unito]<ref>{{cita libro | autore=J.A. G. Roberts | wkautore= | editore=Newton & Compton Editori | anno=2002 | titolo=Storia della Cina | pp=325-327, 337-338}}</ref>.
 
Ebbe così inizio l'era dell'[[imperialismo]] [[europa|europeo]] in [[Cina]], e numerose altre potenze europee seguirono l'esempio, firmando con Pechino vari trattati commerciali. Gli umilianti accordi con gli occidentali ferirono l'orgoglio cinese e alimentarono un sentimento nazionalista e [[xenofobia|xenofobo]] che si sarebbe poi espresso nelle [[Rivolta dei Taiping|rivolte di Taiping]] ([[1850]]-[[1864]]) e dei [[Ribellione dei Boxer|Boxer]] ([[1899]]-[[1901]]).
195

contributi

Menu di navigazione