Differenze tra le versioni di "Citarista"

Jump to navigation Jump to search
m
smistamento lavoro sporco e fix vari
m (smistamento lavoro sporco e fix vari)
{{Avvisounicode}}
{{F|musica|gennaio 2012}}
 
[[File:Homer by Philippe-Laurent Roland (Louvre 2004 134 cor).jpg|thumb|Statua raffigurante [[Omero]] con la cetra]]
Il '''citarista''' ([[Lingua greca|greco]] ''κιθαροιδός'' (''kitharoidos''), [[lingua latina|latino]] ''citharoedus''), anche detto '''citaredo''', vocabolo che deriva dal termine greco κιθἆρα, era il suonatore di [[cetra (antichità classica)|cetra]] (o indistintamente della [[lira (strumento musicale)|lira]] e dell'[[arpa]]), nell'[[antica Grecia]] e nella [[Roma antica]], che spesso decantava anche versi di [[poesia lirica]] (così detta perché si accompagnava al suono della lira o della cetra). Uno dei sottogeneri della poesia lirica nell'antica Grecia era appunto la [[citarodia]]
==Riferimenti nella cultura classica==
 
Il termine ''citarista'' è uno degli [[Apollo#Attributi_ed_epitetiAttributi ed epiteti|epiteti di Apollo]] (''Apollo Citarista'' o ''[[Apollo Citaredo]]''), dio greco delle arti e della musica, spesso raffigurato con la cetra. Tra gli scavi archeologici di Pompei c'è anche la [[Scavi archeologici di Pompei#Casa del Citarista .28I.2C4.2C5.29|Casa del citarista]], chiamata così per la statua bronzea di Apollo Citaredo ritrovata al suo interno.
 
Nel primo [[libro di Samuele]] si narra di come l'abilità da citarista di [[Davide]] è il motivo per cui, ancora soltanto un membro del popolo, viene conosciuto da re [[Saul]], che gli chiede di lenire le sue sofferenza con il suono dell'arpa (1Samuele 16,15-23), e da qui comincia il suo percorso, predestinato a diventare re. In riferimento a questo episodio biblico esiste il ''David Citaredo'', presumibilmente scolpito dal pisano [[Bonamico (scultore)|Bonamico]], che si trovava in origine sulla facciata della [[Cattedrale di Pisa]], ma che è stato trasferito al [[Museo Nazionale di San Matteo]].
Il personaggio del citarista appare nella commedia romana, ad esempio in [[Adelphoe]] e [[Phormio]] di [[Publio Terenzio Afro]] (in entrambi i casi si tratta di una citarista donna).
 
Vista la sua importanza nella cultura classica, la figura del citarista è stata ripresa in epoca moderna da alcune opere storiche, come ''[[Quo vadis%3F? (romanzo)|Quo Vadis?]]'' del 1895, scritto dal [[premio Nobel per la letteratura]] [[Henryk Sienkiewicz]], in cui appare la figura di Terpnos, il citarista di [[Nerone]], e dal dramma ''Tamira il citaredo'' (1913) di [[Aleksandr Jakovlevič Tairov]].
 
==Altri progetti==
1 124 151

contributi

Menu di navigazione