Differenze tra le versioni di "Assassini nati - Natural Born Killers"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Mickey ora ha l'obiettivo di raggiungere Mallory, segregata in un altro piano. Mentre la rivolta ha inizio, Mallory riceve la visita di Jack Scagnetti che lascia fuori la scorta e rimane solo con lei invitandola a pensare all'ultima volta che ha fatto del sesso con Mickey, perché tra qualche ora il suo amante sarà ridotto a un vegetale (dopo l'intervista hanno intenzione di lobotomizzarli entrambi). Mallory sembra indifferente a tutto ma rivela a Jack di non pensare ad altro che al sesso. Quindi, dopo averlo sedotto lo aggredisce selvaggiamente, ma i poliziotti irrompono e la bloccano. Jack inizia a spruzzarle addosso dello spray al peperoncino. Dopo un lungo e frenetico percorso attraverso i corridoi infestati dai detenuti impazziti, Mickey arriva alla cella di Mallory. Qui ha luogo lo scontro tra Scagnetti e Mickey e la morte del detective per mano di Mallory. Segue una lunga ed estenuante lotta tra i poliziotti e i carcerati al termine della quale Mickey e Mallory riescono a evadere dal penitenziario grazie a un detenuto che li guida, prendendo come ostaggio un poliziotto e anche Wayne Gale, che continua a trasmettere tutto in diretta TV. McClusky viene ucciso dai carcerati che aveva sempre vessato e trattato come bestie.
 
Giunti in un grande spiazzo aperto, lontano dai poliziotti, Wayne racconta che Mallory ha ucciso il poliziotto che avevano preso in ostaggio e gettato il suo corpo per strada. Del detenuto misterioso che ha aiutato i due assassini non c'è più traccia. Wayne fa alcune domande alla coppia riguardo al loro futuro da liberi. Dopo aver spiegato i loro progetti, Mickey decide di uccidere Wayne. L'uomo lo supplica di non premere il grilletto e di risparmiarlo ma Mickey, sempre sotto lo sguardo delle telecamere, non desiste dal suo intento e addirittura lo convince lasciandolo senza motivazioni per controbattere (normalmente lui e Mallory lasciano sempre una persona viva per raccontare le loro gesta, ma in questo caso c'è la telecamera) e lo uccide non prima di aver spiegato che ''"È come [[Frankenstein]] che uccide il dottor Frankenstein"'': la violenza è figlia dei mass media, che la glorificano e la osannano per ottenere ascolti e lucro. Mentre i due si allontanano, la telecamera si spegne e si vede una carrellata di fatti di cronaca nera in TV (compresi il processo a [[O. J. Simpson]] e l'intervista a [[Rodney King]]).
 
Sulle note di ''The Future'' di [[Leonard Cohen]], Mickey e Mallory viaggiano per un'[[autostrada]] statunitense a bordo di un camper, con i loro bambini, segno che hanno cambiato vita.
 
=== Director's cut ===
Il 30 luglio [[1996]] uscì in [[VHS]] ''Natural Born Killers (Director's Cut)'', la versione home video comprendente una serie di scene tagliate per l'uscita nelle sale cinematografiche.<ref name="datiAMAZON">{{cita web|url=http://www.amazon.com/Natural-Born-Killers-Directors-Cut/dp/6304118392|titolo=''Natural Born Killers (Director's Cut)'' (1994)|accesso=1º gennaio 2008}}</ref> In questa edizione si ritrovano tutte le parti che erano state tagliate per evitare l'applicazione di divieti più restrittivi da parte della censura americana. In aggiunta a queste, lo stesso Oliver Stone pensò di montare anche quelle scene che, per l'uscita nelle sale, erano state escluse prediligendo una forma più asciutta. Applicandosi un metro differente in ogni nazione per la determinazione dei divieti, ci sono in effetti piccole variazioni tra ciò che è uscito nelle sale italiane (con meno censure rispetto agli Stati Uniti e un divieto limitato ai minori di 14 anni) e ciò che è circolato in altri Paesi.<ref name="datiAMAZON"/> Venne poi distribuita anche in Italia un'edizione in [[DVD]] nella quale si è mantenuto il "taglio largo" dato alla versione VHS e si è aggiunto inoltre un finale alternativo e immagini extra, fra cui quelle montate esclusivamente per il video ''[[Burn (Nine Inch Nails)|Burn]]'' dei [[Nine Inch Nails]].
 
Applicandosi un metro differente in ogni nazione per la determinazione dei divieti, ci sono in effetti piccole variazioni tra ciò che è uscito nelle sale italiane (con meno censure rispetto agli Stati Uniti e un divieto limitato ai minori di 14 anni) e ciò che è circolato in altri Paesi.<ref name="datiAMAZON" /> Venne poi distribuita anche in Italia un'edizione in [[DVD]] nella quale si è mantenuto il "taglio largo" dato alla versione VHS e si è aggiunto inoltre un finale alternativo e immagini extra, fra cui quelle montate esclusivamente per il video ''[[Burn (Nine Inch Nails)|Burn]]'' dei [[Nine Inch Nails]].
 
== Produzione ==
Con un montaggio a tratti schizofrenico e l'uso dei più disparati formati di pellicola (pare ne siano stati utilizzati addirittura 18 tra [[35 millimetri|35mm]], [[16 millimetri|16mm]], [[8 millimetri (film)|8mm]], [[VHS|videocassette]], [[Super 8 millimetri|super 8mm]], ecc.)<ref name="intervistaTommyLeeJones">''Chaos Rising'', intervista a [[Tommy Lee Jones]], disponibile sul DVD della [[Warner Bros.|Warner Bros]].</ref> e registri stilistici (ci sono parti a [[cartone animato]], in forma di [[Situation comedy|sit-com]], di programma televisivo e altro), Oliver Stone torna sul tema della violenza, già al centro di almeno un paio dei suoi film precedenti: ''[[Platoon]]'' ([[1986]]) e ''[[Nato il quattro luglio (film)|Nato il quattro luglio]]'' ([[1989]]). Però, mentre in queste due pellicole era stato molto attento agli effetti della violenza, mostrandola realisticamente, in ''Assassini nati'' la violenza viene ''"elaborata per avere un effetto satirico"''.<ref name="CharlieRoseINTERVIEW">''Interview with a Stone'', intervista a Oliver Stone, condotta da Charlie Rose, disponibile sul DVD della [[Warner Bros.|Warner Bros]].</ref> La satira, come ebbe a dire Stone, è il mezzo migliore per spiegare il messaggio del film secondo il quale ''"viviamo in un'epoca in cui i media rincorrono la violenza"''<ref name="CharlieRoseINTERVIEW"/> per cui per ogni delitto che si commette dovremmo farci una sorta di esame di coscienza e chiederci quanto non ne siamo parzialmente responsabili noi stessi, come soggetti, e come società.
 
Stone disse anche di aver lavorato al film come un bambino che schizza colori su di una tela: ''"Non mi sono autocensurato"''.<ref name="DatiDVD">''Chaos Rising'', documentario sulla realizzazione del film, disponibile sul DVD della [[Warner Bros.|Warner Bros]].</ref> Questo spiega la forma particolare con cui il film è stato realizzato e presentato e che ha fatto dire al suo produttore che questo è ''"il più grande film sperimentale mai realizzato"''.<ref name="DatiDVD"/> Tra le particolarità del film spicca un montaggio a tratti talmente veloce da lasciare alcuni fotogrammi o piccoli spezzoni come vere e proprie "immagini [[Messaggio subliminale|subliminali]]".
Tra le particolarità del film spicca un montaggio a tratti talmente veloce da lasciare alcuni fotogrammi o piccoli spezzoni come vere e proprie "immagini [[Messaggio subliminale|subliminali]]".
 
Altra particolarità sono gli "sfondi psicologici". Il montatore [[Hank Corwin]] ha rivelato che inizialmente Oliver Stone voleva utilizzare dei paesaggi classici, a sfondo naturale.{{citazione necessaria}} In seguito la troupe gli propose di utilizzare degli sfondi che riflettessero le emozioni e i pensieri del cervello umano. Stone dette il via libera a questa idea promuovendo tutte le altre libere iniziative che fossero sorte anche in fase di lavorazione. Questo rese i 56 giorni di riprese piuttosto caotici ma anche creativi e frenetici, come era appunto nelle intenzioni dell'autore che desiderava trasferire queste stesse caratteristiche sul prodotto finale.{{citazione necessaria}}
115 252

contributi

Menu di navigazione