Ringer lattato: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
i valori normali di sodio nel plasma vanno da 135 a 145 mEq/L quindi un valore di sodio di 130 mEq/L è troppo basso in una terapia di mantenimento
(i valori normali di sodio nel plasma vanno da 135 a 145 mEq/L quindi un valore di sodio di 130 mEq/L è troppo basso in una terapia di mantenimento)
La dose di soluzione di Ringer lattato da somministrarsi endovena è di solito calcolata in base al peso corporeo e alla perdita di liquidi stimata. In ambito [[Rianimazione|rianimatorio]] in genere la quantità che viene somministrata varia da 20 a 30 mL/kg di peso corporeo/ora.
 
La soluzione di Ringer lattato non viene considerata adatta per una terapia di mantenimento perché il contenuto di [[sodio]] (130 mEq/L) è considerato troppo elevatobasso, in particolare per i bambini, ecome all'oppostoanche il contenuto di [[potassio]] (54 mEq/L) è troppo basso, in considerazione delle necessità elettrolitiche giornaliere. Altri fluidi utilizzati comunemente per via endovenosa sono le normali [[Soluzione fisiologica|soluzioni saline]] e le soluzioni contenenti idrossietilamidi (normalmente impiegate nello shock ipovolemico). La soluzione di Ringer lattato e altre soluzioni cristalloidi possono essere utilizzate anche come veicoli per la diluizione di [[farmaci]] da somministrarsi endovena. In casi particolari la soluzione di Ringer lattato può essere assunta per via orale, anche se ha un gusto sgradevole che la rende poco tollerabile al paziente.
 
La soluzione di Ringer lattato, come del resto altre soluzioni che sono in grado di aumentare la [[volemia]], va utilizzata con grande cautela nei pazienti che con facilità possono sviluppare uno [[scompenso cardiaco congestizio]], nei soggetti con [[insufficienza renale]] grave e in tutte quelle situazioni cliniche in cui esiste la presenza di [[edema]] con ritenzione salina.

Menu di navigazione