Schei: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
390 byte aggiunti ,  4 anni fa
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Il termine è sopravvissuto sino all'epoca contemporanea. Il singolare, inoltre, indica per estensione qualcosa di piccole dimensioni, analogo all'italiano "soldo di cacio" (''picoło fa un scheo'', "piccolo come un soldo di cacio"), o anche una breve lunghezza, come un centimetro (''spòsteło de vinti schei'', "spostalo di 20 cm"). Si usa il gergale ''esar sensa schei'' per l' "essere senza soldi", mentre ''averghe quatro schei'' (avere "quattro soldi" - cioè non averne - in [[Lingua italiana|italiano]]) nel Veneto significa, con un eufemismo ed in senso ironico, averne molti.
 
La parola ''franco'', è stata usata per indicare una somma di denaro, associata più alle vecchie lire che all'euro, ma ancora in uso. In Veneto le lire erano chiamate franchi. Per cui ''trenta franchi'' erano trenta lire; ''<nowiki>'</nowiki>na carta da mìłe (franchi)'' era una banconota da mille lire, ma nonostante questa dizione sia caduta in disuso con l'euro, rimane che ''averghe un franco'' significa ancora oggi "avere dei soldi" nonostante il franco indicasse specificatamente le lire e non i soldi in genere. Il termine deriva da un'altra moneta austriaca, che riportava l'abbreviazione ''Franc.'', indicante il nome dell'imperatore [[Francesco Giuseppe I d'Asburgo|Francesco Giuseppe]].
 
Più raramente, quando si intendeva dare un accezzione negativa, dispregiativa, invidiosa, o ironica, in particolare in riferimento ai soldi posseduti da persone ricche, si parlava di "arzan", cioè il termine francese per indicare i soldi (argent).
 
==Note==
Utente anonimo

Menu di navigazione