Differenze tra le versioni di "Accordo di Villa Madama"

Jump to navigation Jump to search
* Art 13: La volontà in merito al valore giuridico del nuovo Accordo.
* Art 14: In caso di difficoltà interpretative o applicative, l'art 14 impone ai due contraenti di risolvere in maniera amichevole tali divergenze tramite un'apposita commissione paritetica.
 
== Genesi dell'[[8 per mille]] ==
La [[Conferenza Episcopale Italiana|Conferenza episcopale]] e il suo [[presidente|Anastasio Alberto Ballestrero]] preferivano "la defiscalizzazione delle offerte. Questa era la forma che proponevano per il nuovo finanziamento alla Chiesa reso necessario dall’abolizione della [[Assegno di congrua|congrua]]. Poi (...) accedettero alla proposta avanzata dallo Stato di un intervento “aggiuntivo”, pensato in qualche maniera quale “copertura” del principale (la defiscalizzazione, appunto)": questa la genesi della misura dell'[[8 per mille]], rivendicata da Gennaro Acquaviva, che la ascrive alla proposta elaborata da Craxi "con Margiotta, [[Giuliano Amato|Amato]], anche [[Giulio Tremonti|Tremonti]] (...) tra il 1983 ed il 1987"<ref˃[[Gennaro Acquaviva]], ''Opportunismo rinunciatario'', [[Mondoperaio]], 8-9/2016, p. 17, secondo cui "questo è diventato, per via, così cospicuo soprattutto perché è cresciuto, e di molto, il reddito nazionale: per merito del lavoro degli italiani e non per colpa di qualcuno, o per la presunta ingordigia dei vescovi italiani".</ref>.
 
== Note ==
<references/>
 
==Voci correlate==

Menu di navigazione