Affordance: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
29 byte aggiunti ,  6 anni fa
m
Bot: fix citazione web (v. discussione)
(miglioramenti)
m (Bot: fix citazione web (v. discussione))
Con '''affordance''' si definisce la qualità fisica di un oggetto che suggerisce a un essere umano le azioni appropriate per manipolarlo. Ogni oggetto possiede le sue ''affordance'', così come le superfici, gli eventi e i luoghi. Ad esempio una superficie piatta possiede l'affordance di camminare sopra ad essa, una superficie verticale dà l'affordance di ostacolare un movimento o di blocco di un movimento.
L'aspetto esterno di una caraffa d'acqua - con manico laterale e beccuccio - permette all'utilizzatore di dedurne intuitivamente le funzionalità, anche senza averla mai vista prima. In quest'ultimo contesto il termine ''affordance'' può essere tradotto con "invito"; questo concetto non appartiene né all'oggetto stesso né al suo utilizzatore ma si viene a creare dalla relazione che si instaura fra di essi. È, per così dire, una proprietà "distribuita".
 
Il termine è stato introdotto nel [[1979]] dallo [[psicologo]] statunitense [[James Gibson (psicologo)|James Gibson]] nell'opera ''Un approccio ecologico alla percezione visiva''.
 
== Note ==
*{{en}}[cita web|http://jnd.org/dn.mss/affordances_and_design.html |Affordances and design]|lingua=en}}
*{{en}}[cita web|http://jnd.org/dn.mss/affordance_conventions_and_design_part_2.html |Affordance conventions and design]|lingua=en}}
 
== Bibliografia ==
3 186 035

contributi

Menu di navigazione