Śloka: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
2 byte aggiunti ,  6 anni fa
Nessun oggetto della modifica
 
==Origini mitologiche==
La tradizione [[Induismo|hindū ]] assegna la scoperta di questo tipo di "canto" a [[Vālmīki]], mitico autore del ''Rāmāyaṇa''.
 
Nella prima sezione (''kāṇḍa'') del ''Rāmāyaṇa'' si avvia con il celebre ''[[Ṛṣi]]'' della sfera celeste (''devaṛṣi''), Nārada<ref>Già menzionato nell'<nowiki></nowiki>''Atharvaveda'', ad es. IV, 19,9. È un ''devaṛṣi'' in quanto, come illustrato da Śaṅkara, pur essendo libero da ogni condizionamento rinasce al fine di portare a compimento la sua missione; da qui i ''[[Purāṇa]]'' e gli ''[[Itihāsa]]'' che lo vogliono di volta in volta, e ad esempio, come un Prajāpati emerso dalla gola, o dalla fronte, di Brahmā, ancora come figlio di Kaśyapa oppure figlio di Viśvāmitra, etc. </ref>, che visita Vālmīki, il quale con l'occasione gli domanda quale sia l'eroe da celebrare per la sua virtù, "Rāma" risponde il ''devaṛṣi'', narrandogliene le vicende epiche.<br>

Menu di navigazione