Differenze tra le versioni di "DKW F93"

Jump to navigation Jump to search
27 byte rimossi ,  5 anni fa
m
Bot: Overlinking su giorni e mesi dell'anno; modifiche estetiche
m (Bot: orfanizzo redirect 1° ottobre)
m (Bot: Overlinking su giorni e mesi dell'anno; modifiche estetiche)
|altre_eredi=
|famiglia=[[IFA F8]] ed [[IFA F9|F9]]<br />[[DKW F10]]<br />[[DKW F89]], ed [[DKW F91|F91]]<br />[[DKW 3=6 Monza]]<br />[[Auto Union 1000]]
|concorrenti=[[Ford Taunus|Ford Taunus 12M/15M]]<br />[[Opel Olympia Rekord]] e [[Opel_RekordOpel Rekord#Rekord_P1Rekord P1|Opel_Rekord P1]]
|esemplari=155.944
|note=
=== Debutto ===
 
La ''F93'' fu presentata per la prima volta a [[Düsseldorf]] il [[20 settembre|20]] e il [[21 settembre]] 1955 in occasione di un convegno fra i concessionari DKW tedeschi, tenutosi proprio presso lo stabilimento dove da pochissimo era stata avviata la produzione del nuovo modello destinato a succedere alla [[DKW F91|F91]]. Di quest'ultima rimase a listino per un paio di anni solo la versione ''Universal''. Il convegno DKW avvenne proprio alla vigilia dell'apertura del [[Salone di Francoforte]] di quell'anno e nella cornice della kermesse tedesca furono svelate al pubblico tutte le varianti della nuova gamma, ossia [[berlina]] a 2 porte (disponibile nei due allestimenti ''Normal'' e ''Spezial''), berlina a 4 porte, [[coupé]]<ref>[http://img.favcars.com/dkw/3-6/dkw_3-6_1955_pictures_1.jpg La ''F93 Coupé'']</ref> e [[cabriolet]] a 2 e a 4 posti. In ogni caso, le portiere furono tutte incernierate posteriormente.
 
La sigla del modello fu quindi quella di ''F93'', ma la denominazione commerciale incluse per la prima volta anche la sigla ''3=6'', un ossimoro matematico già utilizzato per descrivere il prototipo ''F9'' d'anteguerra, e che stava a sottolineare come il [[motore a due tempi]] utilizzato per la nuova vettura potesse contare su una fase attiva per ogni giro dell'[[albero a gomiti|albero motore]] a dispetto di un [[motore a quattro tempi]] che invece è caratterizzato da una fase attiva ogni due giri. Il fatto che fosse un tricilindrico faceva in modo che il numero di fasi attive di questo motore era pari al numero di fasi attive in un 6 [[cilindro (meccanica)|cilindri]] a quattro tempi. Un espediente commerciale simile fu utilizzato anche nelle DKW d'anteguerra con [[motore V4]], ma in questo caso l'ossimoro matematico prese ovviamente la forma di ''4=8''.
=== Evoluzione ===
[[File:DKW 3=6, Bj. 1957 - 2005-07-17.jpg|thumb|right|Il frontale della ''F93'' dopo il restyling dell'ottobre 1956]]
Il primo aggiornamento nella gamma della ''F93''/''F94'' si ebbe appunto a febbraio quando entrò in listino la già annunciata cabriolet a 2 posti. Il [[1º ottobre]] dello stesso anno, invece, si ebbe un aggiornamento che in generale si può definire lieve, ma che di fatto interessò sia l'estetica che la meccanica dei modelli della gamma: la calandra rinunciò ai listelli orizzontali in favore di una griglia a nido d'ape che rese i modelli prodotti da quel momento in poi riconoscibili rispetto alle prime ''F93''/''F94''. Dal punto di vista tecnico, il motore salì leggermente come prestazioni portandosi a 40 CV di potenza massima. Per quanto riguarda la gamma, vi fu invece la scomparsa prematura delle due versioni cabriolet, mentre rimasero invece regolarmente a listino le altre varianti di carrozzeria.
 
A partire dal gennaio [[1957]], fu possibile ordinare una ''F93'' dotata di [[frizione (meccanica)|frizione]] automatica, una primizia nell'intero panorama automobilistico tedesco. Tale nuovo dispositivo, che permetteva una guida più comoda, fu prodotto dalla [[Fichtel&Sachs]]. Ulteriori migliorie furono apportate all'impianto di riscaldamento. Il mese successivo, la gamma tornò ad ampliarsi con l'arrivo della ''F94 Universal''<ref>[http://carinpicture.com/wp-content/uploads/2012/08/Dkw-F94U-Sonderklasse-Universal-1957-1959-Photo-01.jpg La ''F94 Universal'']</ref>, ossia la versione [[giardinetta]] destinata a sostituire la corrispondente ''Universal'' su base ''F91''. Tuttavia, tra il mese di febbraio ed il mese di giugno di quell'anno, le due ''Universal'' convissero assieme nel listino tedesco. A partire da luglio, l'unica giardinetta disponibile rimase invece proprio la ''F94''. Anch'essa, come la ''F94'' berlina a 4 porte, fu realizzata su un telaio a passo maggiorato di 10 cm, ma fu proposta a sole due porte più portellone. Per accedere al divanetto posteriore si poteva contare solo sui sedili anteriori ribaltabili. L'aerazione dell'abitacolo anche nella zona posteriore fu comunque garantita dalla presenza di finestrini laterali posteriori scorrevoli. Una delle caratteristiche di questa giardinetta fu il fatto che lo schienale posteriore era ad abbattimento frazionabile, un po' come nelle station wagon prodotte molti decenni dopo. Per ottenere un vano di carico dalla forma il più possibile regolare, il serbatoio ed il vano per la ruota di scorta furono spostati sotto il piano di carico. La portata massima di una ''F94 Universal'' fu di 450 kg. Durante il primo anno di commercializzazione, la ''Universal'' fu proposta unicamente con carrozzeria monocolore.
Nel settembre del 1957, la berlina ''Normal'' fu tolta dai listini: da quel momento in poi la gamma ''F93''/''F94'' dispose unicamente di cambi a 4 marce, o al più della [[trasmissione (meccanica)|trasmissione]] a frizione automatica. Contemporaneamente a ciò, le versioni con carrozzeria a due porte furono oggetto di nuovi aggiornamenti: le portiere furono incernierate anteriormente e ricevettero nuove maniglie porta con pulsante. Gli inserti cromati divennero più visibili e pronunciati, mentre all'interno vi fu l'arrivo di nuovi sedili con maggiori possibilità di regolazione. Per quanto riguarda la meccanica, vi fu l'arrivo di un nuovo impianto di scarico più silenzioso e migliorie alle sospensioni.
 
Alla fine del 1957 fu lanciata la nuova [[Auto Union 1000]], destinata in seguito a sostituire la ''F93'', anche se durante il primo anno e mezzo di carriera, quest'ultima condivise il listino con la gamma ''F93''/''F94''. Per questa ragione, nel marzo del [[1958]], la ''F93'' e la ''F94'' furono commercializzate come ''DKW 3=6 900''. Nello stesso periodo, la ''Universal'' fu proposta con carrozzeria bicolore. Nel febbraio del 1959 fu tolta dai listini la berlina a 4 porte, mentre il [[16 luglio]] dello stesso anno l'ultimo esemplare della gamma ''F93''/''F94'' uscì dalle linee di montaggio dello stabilimento di Düsseldorf.
 
Sulla base della ''F93'' fu realizzata anche una [[berlinetta]] sportiva che fu commercializzata in poco più di duecento esemplari con il nome di [[DKW 3=6 Monza]].
494 564

contributi

Menu di navigazione