Differenze tra le versioni di "Tritono"

Jump to navigation Jump to search
25 byte rimossi ,  6 anni fa
m
nessun oggetto della modifica
m
 
== Sostituzione di tritono ==
Nella [[Jazz|musica jazz]] la ''sostituzione di tritono'' consiste nel sostituire, normalmente nell'ambito di una [[II-V-I|progressione IIii-V-I]], un [[accordo (musica)|accordo]] di settima di dominante (che può anche comparire con la quinta e/o la nona alterate) con un altro [[accordo (musica)|accordo]] di settima avente la [[tonica (musica)|tonica]] distante tre toni dalla tonica dell'[[accordo (musica)|accordo]] precedente.
 
Per esempio in [[Do (nota)|Do]] maggiore l'accordo di dominante è il [[Sol (nota)|Sol]]7, che può essere sostituito dal suo tritono [[Re (nota)|ReRe♭]]<math>\flat</math>7.
 
Le ragioni alla base di questa sostituzione sono diverse:
* La principale sta nell'osservare che i due accordi hanno la stessa terza e settima, ma in ordine inverso (nell'esempio Sol-'''Si'''-Re-'''Fa''' e Re<math>\flat</math>Re♭-'''Fa'''-La<math>\flat</math>La♭-'''Si''') e il terzo e il settimo grado di un accordo sono considerati molto caratterizzanti.
*La fondamentale e la quinta nell'accordo sostituito (nell'esempio, Sol e Re) sono rispettivamente la quarta aumentata e la 9bnona bemolle dell'accordo di rimpiazzo, e la stessa relazione, vale per la fondamentale e la quinta di quest'ultimo rispetto al precedente.
* Se uno dei due accordi è alterato (con quinta e nona aumentate o con quinta aumentata e nona bemolle) si può usare - melodicamente - la stessa scala (lidia aumentata) su entrambi gli accordi, ad esempio:
 
{| class="wikitable"
| width="50,25" Height="12,75" | Scala Lidia Aumentata
| width="70,5" | Sol7alt.(+5+9)
| width="31,5" | Reb7Re♭7
 
|- style="font-style:Italic;text-decoration:underline" valign="bottom"
|style="font-style:Italic" Height="12,75" | Si
|style="font-style:Italic" | 3
|style="font-style:Italic" | b7♭7
 
|- style="font-style:Italic;text-decoration:underline" valign="bottom"
|style="font-style:Italic" Height="12,75" | Do#Do♯
|style="font-style:Italic" |+4 (b5♭5)
|style="font-style:Italic" | tonica
 
|- style="font-style:Italic;text-decoration:underline" valign="bottom"
|style="font-style:Italic" Height="12,75" | Re#Re♯
|style="font-style:Italic" | +5
|style="font-style:Italic" | 9
 
|- style="font-style:Italic;text-decoration:underline" valign="bottom"
|style="font-style:Italic" Height="12,75" | Mi#Mi♯ (Fa)
|style="font-style:Italic" | b7♭7
|style="font-style:Italic" | 3
 
|- style="font-style:Italic;text-decoration:underline" valign="bottom"
|style="font-style:Italic" Height="12,75" | Fa##Fa♯♯ (Sol)
|style="font-style:Italic" | tonica
|style="font-style:Italic" | +4 (b5♭5)
 
|- style="font-style:Italic;text-decoration:underline" valign="bottom"
|style="font-style:Italic" Height="12,75" | Sol#Sol♯
|style="font-style:Italic" | b9♭9
|style="font-style:Italic" | 5
 
|- style="font-style:Italic;text-decoration:underline" valign="bottom"
|style="font-style:Italic" Height="12,75" | La#La♯
|style="font-style:Italic" | 9
|style="font-style:Italic" | 6 (13)
|}
 
*La sostituzione nella cellula II-V-I permette al basso di eseguire la progressione Re-Re<math>\flat</math>Re♭-Do ad intervalli discendenti di un semitono, che è molto comune.
 
Questa sostituzione è diventata così frequente nel jazz moderno che viene spesso effettuata anche su accordi di dominante che non compaiono nel contesto di una progressione II-V-I.

Menu di navigazione