Operatore nabla: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Qualora lo [[spazio vettoriale]] nel quale il nabla agisce sia uni-dimensionale, la definizione del nabla coincide con l'ordinaria [[derivata]].
 
{{Citazione necessaria|Il termine deriva dal nome di uno strumento musicale a corda della tradizione ebraica europea, il ''nabelnebel'', simile ad un'arpa, ovvero simile ad una viola o ad un violino ma avente una cassa acustica di profilo triangolare, che richiama appunto quella di un delta rovesciato.}}<ref>http://www.treccani.it/enciclopedia/nebel_%28Enciclopedia-Italiana%29/</ref><ref>http://www.treccani.it/vocabolario/nebel/</ref>
 
Il simbolo è stato utilizzato per la prima volta dal matematico e fisico [[William Rowan Hamilton]] nella forma di un [[delta (lettera)|delta]] sdraiato <span style="font-size: 200%">⊲</span>. In greco il simbolo è chiamato ανάδελτα, ''anádelta'', ovvero delta rovesciato. Nel linguaggio anglosassone il simbolo nabla, quando è un operatore matematico, è chiamato ''del''.
\nabla^{2}=\frac{1}{r^{2}}\left(\frac{\partial}{\partial r}r^{2}\frac{\partial}{\partial r}+\left(x\times\nabla\right)^{2}\right)=\frac{\partial^{2}}{\partial r^{2}}+\frac{2}{r}\frac{\partial}{\partial r}+\left(\frac{x\times\nabla}{r}\right)^{2}
</math>
 
==Note==
<references />
 
== Voci correlate ==
Utente anonimo

Menu di navigazione