Modifiche

Jump to navigation Jump to search
aggiunto al riferimento mitologico ad Arteusa il più celebre riferimento mitologico di Alfeo con la figura di Ercole
La [[Ninfa (mitologia)|ninfa]] [[Aretusa]], di cui Alfeo era innamorato, per sottrarsi al suo corteggiamento, fuggì in [[Sicilia]] e, nei pressi di [[Siracusa]], grazie ad [[Artemide]], si trasformò in [[Sorgente (idrologia)|fonte]].
Il dio, innamorato, al fine di ritornare da lei, pregò [[Zeus]] di cambiare il corso del fiume di cui era padrone. Zeus impietosito da Alfeo gli permise di deviare il suo corso passando sotto le acque del [[mar Ionio]] per sfociare appunto nei pressi di Siracusa, nell'[[isola di Ortigia]] dove avrebbe incontrato di nuovo la ninfa Aretusa.
 
La deviazione del fiume Alfeo ricorre anche nella sesta delle [[dodici fatiche di Eracle]], consistente nella ripulitura delle [[stalle di Augia|stalle di Augìa]], che sarebbe stata superata deviando le acque dell'Alfeo che lungo il loro nuovo percorso avrebbero incontrato e dilavato le stalle e trasportato con sé tutto il letame accumulato.
 
Si narra anche di una leggenda dove una coppa gettata nel fiume Alfeo sia poi riemersa nella fonte [[Aretusa]].
Utente anonimo

Menu di navigazione