Differenze tra le versioni di "Seleucia al Tigri"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
m (Robot: Modifico Categoria:Città greche antiche in Categoria:Città dell'antica Grecia)
'''Seleucia al Tigri''' (greco antico: Σελεύκεια) è un'antica città fondata come sua capitale da [[Seleuco I|Seleuco I Nicatore]], iniziatore della [[dinastia seleucide]], intorno al [[312 a.C.]] sulla riva destra del fiume [[Tigri]], in corrispondenza della confluenza con il canale che lo metteva in comunicazione con il fiume [[Eufrate]]. La capitale era destinata a sostituire in questa funzione l'antica [[Babilonia]].
 
==Storia==
Dopo una prima fase [[Ellenismo|ellenistica]], venne occupata, intorno al [[140 a.C.]], da [[Mitridate I di Partia]] formando, di fatto, un complesso urbano bipolare con l'appena fondata [[Ctesifonte]] sulla riva opposta del fiume.
 
Nel [[117]] Seleucia-Ctesifonte venne assediata, conquistata e incendiata nel corso della spedizione [[Romacampagne anticapartiche di Traiano|spedizione romana]] in Oriente]] condotta dall'imperatore [[Traiano]] e successivamente passò più volte di mano tra Romani e Parti. Nel [[164]] fu [[campagne partiche di Lucio Vero|nuovamente distrutta]] dall'[[esercito romano|esercito]] inviato da [[Marco Aurelio]], eposto sotto il comando del fratello adottivo, [[Lucio Vero]].
 
Fu in seguito rifondata dal re persiano [[Ardashir I]], in posizione leggermente spostata rispetto alla vecchia collocazione, ebbe il nome mutato in ''Veh Ardashir'' non recuperando, comunque, mai del tutto lo sviluppo e lo splendore goduto nei secoli precedenti.
 
==Archeologia della città==
Il sito archeologico dell'antica Seleucia, posto nella località detta ''Tell Omar'' (30 km da [[Baghdad]]), ha un'estensione di oltre 550 ettari, quasi tutti ancora da esplorare, e fin dai suoi primi scavi ([[1927]]), ha restituito una copiosa messe di materiali ed oggetti diversi.
Particolarmente di pregio i rilievi ed i ritrovamenti effettuati tra il [[1964]] ed il [[1989]] dalla missione archeologica dell'[[Università di Torino]] che hanno portato all'identificazione di numerosi edifici e tombe, nonché al rinvenimento di oggetti notevoli come i 30.000 [[Sigillo (oggetto)|sigilli]] ritrovati in quello che era l'archivio della città.

Menu di navigazione