Yajurveda: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
2 643 byte aggiunti ,  9 anni fa
adatto
m (migrazione automatica di 34 collegamenti interwiki a Wikidata, d:q47142)
(adatto)
{{Veda}}
 
Lo '''Yajurveda''' ([[devanāgarī]] यजुर्वेद, sostantivo maschile [[sanscrito]] composto da ''yajus'', "formula sacrificale", e ''veda'', "sapienza" o "conoscenza"; anche ''Yajurvedasaṃhitā'', sostantivo femminile, lett.: "RaccoltaVeda delle formule sacrificali") è la terza raccolta di inni religiosi composti in una forma arcaica di [[sanscrito]], detto [[sanscrito vedico]], facente parte di un più grande insieme didelle testisuddivisioni religiosicanoniche denominatidei ''[[Veda]]'',. fondamentoLo dellaYajurveda [[religioneè vedica]],a successivamentesua delvolta [[Brahmanesimo]]distinto e,in infine,'''Kṛṣṇa diYajurveda''' quel(''Yajurveda'' complessonero) e composito'''Śukla sistemaYajurveda''' religioso(''Yajurveda'' e filosofico religioso che va sotto il nome di [[Induismo]]bianco).
 
==Generalità==
PiùNello Yajurveda, più precisamente nellonelle sue ''Yajurveda[[Saṃhitā]]'', sono raccolte le formule sacrificali (''yajus'') nonché i ''[[mantra]]'' già presenti nel ''[[Ṛgveda]]'' mormorati dal sacerdote officiante il [[Yajña|sacrificio vedico]] (''yajña'') indicato come ''[[adhvaryu]]''.
 
==Suddivisione==
Lo '' Yajurveda'' viene tradizionalmente suddiviso in due pari:
Le due collezioni in cui lo Yajurveda è tradizionalmente distinto sono:
* il ''Kṛṣṇa Yajurveda'' (''Yajurveda'' nero), la parte più antica detta "nera" (''kṛṣṇa'') forse perché considerata meno 'pura';
*il Kṛṣṇa Yajurveda (''Yajurveda'' nero), la parte più antica detta "nera" (''kṛṣṇa'') forse perché considerata meno 'pura', in quanto nei testi ivi raccolti sussiste una confusione fra i contenuti delle ''Saṃhitā'' e dei ''Brāhmana'';<ref name=wash>Vedi ''[http://faculty.washington.edu/prem/mw/y.html yajurveda]'', ''Monier-Williams Sanskrit-English Dictionary''.</ref>
* lo ''Śukla Yajurveda'' (''Yajurveda'' bianco), più recente del ''Kṛṣṇa Yajurveda'', detta "bianca" forsein perchévirtù consideratadella piùdistinzione effettuata sui contenuti e sul 'pura'differente ordine a essi dato.<ref name=wash/>
 
Nel Kṛṣṇa Yajurveda troviamo tre raccolte di formule, tre ''[[Saṃhitā]]'' cioè: la ''Kaṭhaka Saṃhitā'' o ''[[Kapiṣṭhala-Kaṭha Saṃhitā]]''<ref>Vedi: ''[http://www.oxfordreference.com/view/10.1093/oi/authority.20110803100030211 Kapiṣṭhala-(Kaṭha)-Saṃhitā]'', ''Oxford Reference''.</ref>, la ''[[Maitrāyaṇi Saṃhitā]]'' e la ''[[Taittirīya Saṃhitā]]''; a quest'ultima è associato il ''[[Taittirīya Brāhmaṇa]]''; da cui il ''[[Taittirīya Āraṇyaka]]''; infine troviamo ben sei ''[[Upaniṣad]]'', tutte ben note e importanti: la ''[[Taittirīya Upaniṣad]]'', la ''[[Kaṭha Upaniṣad]]'', la ''[[Mahānārāyaṇa Upaniṣad]]''<ref>Si tratta in realtà di un'appendice alla ''Taittirīya Upaniṣad'': cfr. [[Mario Piantelli]], introduzione a ''Upaniṣad antiche e medie'', a cura e traduzione di [[Pio Filippani-Ronconi]], riveduta a cura di Antonella Serena Comba, Universale Bollati Boringhieri, Torino, 2007, p. XIV.</ref>, la ''[[Maitrī Upaniṣad]]'', la ''[[Prāṇāgnihotra Upaniṣad]]'' e la ''[[Śvetāśvatara Upaniṣad]]''.<ref name=Pan1155>Raimon Panikkar, ''I Veda. Mantramañjarī'', a cura di Milena Carrara Pavan, traduzioni di Alessandra Consolaro, Jolanda Guardi, Milena Carrara Pavan, BUR, Milano, 2001, vol. II, p. 1155.</ref>
 
Nello Śukla Yajurveda abbiamo un'unica ''Saṃhitā'', la ''[[Vājasaneyī Saṃhitā]]''; un ''Brāhmaṇa'' molto noto, il ''[[Śatapatha Brāhmaṇa]]''; un ''[[Āraṇyaka]]'', il ''[[Bṛhad Āraṇyaka]]''; e cinque ''Upaniṣad''. Le prime quattro sono: la ''[[Bṛhadāraṇyaka Upaniṣad]]'' (la più antica fra le ''Upaniṣad'' canoniche), la ''[[Jābāla Upaniṣad]]'', la ''[[Paiṅgala Upaniṣad]]'' e la ''[[Sūrya Upaniṣad]]''.<ref name=Pan1155/> A queste va considerata aggiunta la ''[[Īśā Upanisad]]'', testo anch'esso molto noto, costituito dalle ultime sei strofe del primo terzo della quattordicesima sezione della ''Vājasaneyī Saṃhitā'', e che quindi è da ritenersi precedente alla ''Bṛhadāraṇyaka Upaniṣad''.<ref>Cfr. [[Mario Piantelli]], introduzione a ''Upaniṣad antiche e medie'', a cura e traduzione di [[Pio Filippani-Ronconi]], riveduta a cura di Antonella Serena Comba, Universale Bollati Boringhieri, Torino, 2007, p. XII.</ref>
 
==Note==
<references/>
 
==Altri progetti==
{{interprogetto|etichetta=''Kṛṣṇa Yajurveda''|q=Kṛṣṇa Yajurveda|q_preposizione=dal o sul}}
{{interprogetto|etichetta=''Śukla Yajurveda''|q=Śukla Yajurveda|q_preposizione=dallo o sullo}}
 
==Collegamenti esterni==

Menu di navigazione