Differenze tra le versioni di "Betelgeuse"

Jump to navigation Jump to search
Betelgeuse è una stella dell'[[emisfero boreale]] (possiede infatti una [[declinazione (astronomia)|declinazione]] di +7° 24'), ma è comunque abbastanza vicina all'[[equatore celeste]] da risultare osservabile da tutte le aree della [[Terra]], ad eccezione della parte più interna del [[Antartide|continente antartico]]; a nord invece la stella appare [[circumpolare]] ben oltre il [[circolo polare artico]].<ref name="Uranom">Come si evince da: {{cita libro | cognome= Tirion, Rappaport, Lovi | titolo=Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°| editore=Willmann-Bell, inc.| città=Richmond, Virginia, USA | anno=1987 | id= ISBN 0-943396-14-X}}</ref><ref>Una declinazione di 7°N equivale ad una distanza angolare dal polo sud celeste di 83°; il che equivale a dire che a nord del 83°N l'oggetto si presenta circumpolare, mentre a sud del 83°S l'oggetto non sorge mai.</ref>
 
Betelgeuse si può distinguere con grande facilità anche dalle grandi città: è infatti la decima [[lista delle stelle più brillanti del cielo#Stelle più brillanti ad occhio nudo nel cielo notturno|stella più brillante del cielo se vista ad occhio nudo]], la nona [[lista delle stelle più brillanti del cielo#Stelle singole più brillanti nel cielo notturno|considerando singolarmente]] le componenti dei [[sistema stellare|sistemi multipli]]; inoltre fa parte dell'inconfondibile costellazione di [[Orione (costellazione)|Orione]], di cui costituisce il vertice nord-orientaleoccidentale, e spicca rispetto alle altre per il suo colore, un arancione intenso, che contrasta con l'azzurro tipico delle altre stelle luminose di quest'area di cielo. Costituisce inoltre il vertice nord-occidentale del grande e brillante [[asterismo]] del [[Triangolo invernale]].<ref name="triangl"/> Betelgeuse inizia a scorgersi bassa sull'orizzonte orientale nelle serate tardo-autunnali (inizio dicembre), ma è durante i mesi di gennaio e febbraio che l'astro domina il cielo notturno, essendo la stella di colore rosso vivo più brillante dell'inverno. Il mese di maggio invece la vede tramontare definitivamente sotto l'orizzonte ovest, tra le luci del [[crepuscolo]]; torna ad essere visibile ad est, poco prima dell'alba, nel mese di agosto.
 
Betelgeuse appare come la seconda stella più luminosa della costellazione alla quale appartiene: la sua magnitudine media è di 0,58; [[Rigel]] (β Ori), la stella più brillante di Orione, posta nel vertice sud-occidentale della costellazione, in posizione diametralmente opposta a Betelgeuse, è di magnitudine 0,12.<ref>{{cita|Schaaf|p. 157|Bright}}</ref> Betelgeuse, Rigel e [[Deneb]] (α [[Cigno (costellazione)|Cyg]]) sono le più distanti fra tutte le stelle di prima magnitudine, che in totale sono circa una ventina nel cielo notturno: Betelgeuse si trova a circa 640 [[anni luce]] da noi, segno questo che anche la sua [[magnitudine assoluta|reale luminosità]] è molto elevata.<ref>{{cita|Evans Martin, Menze|p. 61 |Friendly}}</ref>
Utente anonimo

Menu di navigazione