Giovanni Maria Sabino: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
m (sostituisco template)
Nessun oggetto della modifica
'''Giovanni Maria Sabino''' ([[Turi]], [[30 giugno]] [[1588]] - [[Napoli]], [[aprile]] [[1649]]) fu un compositore, organista e insegnante italiano.
 
Appartenente a una famiglia di musicisti e compositori infatti,lo insono gioventùanche studiòil musicafratello Antonino e il nipote Francesco. Visse a Turi fino a tutto il 1602, poi quattordicenne, con il rpbabile appoggio dei baroni locali (i Moles) si reca a Napoli per studiare musica dove incontra Prospero Testa. eRitorna successivamentenel fusuo paese momentaneamente nel 1610 per prendere possesso del beneficio di San Giacomo Apostolo col titolo onorifico di Abate.Nel 1612 viene ordinato sacerdote e questa volta rimane a Turi fino alla fine del 1613, per poi tornarsene a napoli e iniziare la sua sfolgorante carriera. Sabino comunque rimase membro del Capitolo della Collegiata dell?Assunta, pur non risiedendo più a turi. La buona reputazione di compositore che ebbe, fece sì che venne nominato nel 1622 ''primo maestro'' del [[Conservatorio della Pietà dei Turchini]], carica che tenne sino al 1626. Nel 1627 diventò maestro della chiesa reale di [[Santa Barbara]] di [[Castel Nuovo]] e tra il 1630 e il 1634 fu organista presso l' ''Oratorio di San Filippo''. Il suo ultimo incarico fu quello di [[maestro di cappella]] della ''Santa Casa dell'Annunziata'', dove era occupato anche come organista e insegnante.
 
Precursore di [[Gregorio Strozzi]], [[Giovanni Salvatore]] e [[Francesco Provenzale]], fu il primo compositore napoletano ad impiegare i violini nei [[mottetto|mottetti]] e a fare un uso sistematico e virtuosistico della voce solista su un tema di basso continuo. L'editore Marcello Magnetta disse di lui: ''è persona, oltre alle altre sue buone qualità, per la musica conosciuto in tutta Italia''.
518

contributi

Menu di navigazione