Unità trattamento aria: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
L''''unità trattamento aria''', più nota con l'acronimo '''UTAU.T.A.''' è una macchina utilizzata nei grossi impianti di climatizzazione, siano essi a tutta aria o misti aria/acqua. Il loro scopo è quello di prelevare l'aria dall'esterno trattandola a seconda delle richieste climatiche degli ambienti interni. </br>
I parametri che sono coinvolti nel trattamento dell'aria sono:
* temperatura
 
== Come è fatta la macchina ==
La UTAU.T.A. è definita macchina per il semplice fatto che è dotata di un ventilatore capace di aspirare l'aria e di spingerla verso i punti di diffusione in ambiente. Ma il ventilatore in realtà è solo l'ultimo pezzo dell'unità, che può essere assimilata ad una tubazione lungo la quale si incontrano tutti i componenti necessari al corretto funzionamento dell'impianto.</br>
Quando l'aria attraversa l'UTAU.T.A. generalmente incontra:
*una serranda di presa
*un recuperatore
*un filtro grossolanoa bassa efficienza
*una batteria di scambio termico (pre-riscaldamento)
*una batteria di scambio termico (raffreddamento e deumidificazione)
*un ventilatore (mandata)
*un silenziatore
Nel caso di impianto a [[tutt'aria]] con ricircolo, esiste anche una zona di miscela con l'aria diriincanalata ricircolonell'impianto, che può essere posta o nella parte iniziale o nella parte centrale della macchina. Vi sono unità che non presentano il recuperatore di calore, e addirittura macchine che non sono dotate di batteria di post-riscaldamento, poiché quest'ultimo può essere effettuato a livello periferico (post-riscaldamento di zona).
 
== Recuperatore ==
Il recupero energetico viene spesso effettuato ai fini del risparmio di energia. Quando una UTAU.T.A. è dotata di recuperatore, oltre al ventilatore di mandata è presente anche un ventilatore di ripresa dell'aria trattata; in questo modo si hanno due percorsi indipendenti, aria da trattare ed aria trattata. </br>
Il recupero di calore può essere di 2 tipi: '''sensibile''' e '''latente'''. Nel primo caso si ha una cessione del contenuto entalpico di uno dei 2 fluidi in modo da pre-riscaldare (d'inverno) o pre-raffreddare (d'estate) l'aria da trattare.</br>
Il recupero latente si ha solo d'estate, e può essere spiegato in questo modo: in estate l'aria è molto umida, e per eliminare l'umidità l'unico mezzo è quello di farla condensare. Per poter condensare questo vapore acqueo è necessario prelevare una quantità di calore nota come calore latente di vaporizzazione. Quindi l'aria trattata, fredda e deumidificata, assorbe questo calore e opera una pre-deumidificazione dell'aria da trattare. Ovviamente nel caso si abbia un recupero latente è presente anche uno sensibile.
Utente anonimo

Menu di navigazione