Differenze tra le versioni di "Zaña"

Jump to navigation Jump to search
2 byte rimossi ,  2 mesi fa
m
dimenticanza
m (piccole modifiche)
m (dimenticanza)
 
[[File:Façana_de_les_Restes_de_la_Iglesia_Matriz_de_Zaña_amb_una_arcada_al_darrera.jpg|destra|miniatura|250x250px| I ruderi di una chiesa distrutta dall'alluvione del 1720.]]
'''Zaña''' (anche '''Saña'' ') è la capitale del [[distretto di Saña]] nella [[provincia di Chiclayo]][[Regione di Lambayeque|,]] nella [[regione di Lambayeque]], situata nella zona settentrionale del [[Perù]]. Si trova a venticinque chilometri nell'entroterra dalla linea dell'[[Oceano Pacifico]] e a un'[[altitudine]] di cinquantotto metri sul [[livello del mare]], nella valle del fiume omonimo.
 
Zaña aveva una popolazione registrata di 4.510 abitanti nel 2017. <ref name="City population">{{Cita web|url=https://www.citypopulation.de/en/peru/lambayeque/|sito=City Population}}</ref> La città fu fondata nel 1563 dai [[Conquistadores|conquistatori spagnoli]] del Perù. La Valle di Zaña divenne un'importante area di produzione di [[Saccharum officinarum|canna da zucchero]] e Zaña era una delle città più importanti del Perù coloniale. La ricchezza accumulata nella città vi attirò i [[:Categoria:Pirati britannici|pirati inglesi]], che la depredarono nel 1686. Un'alluvione distrusse l'insediamento nel 1720, e in seguito a quel catastrofico evento, la città non riuscì più a ripristinare la precedente vivacità sociale ed economica. Le rovine dell'alluvione sono visibili alla periferia della città.
Il 15 marzo 1720 la città fu completamente distrutta da una violenta alluvione, e gli spagnoli lasciarono in gran parte la città, abbandonando alla loro sorte gli schiavi africani, i quali ricrearono una propria comunità e città, anche se naturalmente di dimensioni molto più ridotte. Alla fine del XVIII secolo Zaña aveva una popolazione di poco più di 500 persone, di cui 90 africani e 370 [[Meticcio|meticci]], ovvero di origini miste africane ed [[Nativi americani|indigena]] ("indios"). Al censimento non risultava nemmeno un individuo di origini completamente indigene. <ref name="Cozart">{{Cita web|url=https://digitalrepository.unm.edu/cgi/viewcontent.cgi?article=1170&context=hist_etds|sito=UNM Digital Depository|dataaccesso=22 November 2020}}</ref>
 
La schiavitù fu abolita in Perù nel 1854, ma molti dei residenti afro-peruviani di Zaña continuarono a lavorare nell'industria dello zucchero, in particolare nella tenutahacienda della famiglia Aspillaga a [[Distretto di Cayalti|Cayalti]], sita a cinque chilometri dal centro cittadino, uno dei maggiori centri di raffinazione di zucchero di tutto il Perù all'inizio del 1900.
 
Negli anni '50 del XX secolo i fratelli afro-peruviani [[Nicomedes Santa Cruz|Nicomedes]] e [[Victoria Santa Cruz]] si attivarono per promuovere e diffondere la cultura afro-peruviana, compresa la musica e il [[Decima (poesia)|décima]], uno stile poetico tradizionale.
 
Anche in seguito a queste iniziative, Zaña divenne un simbolo della lotta degli afro-peruviani per assicurare alle proprie tradizioni il posto che meritavano nella cultura peruviana. I décimas raccontano la storia degli afro-peruviani, e una canzone popolare molto nota fra le comunità locali si intitola a sua volta ''Zaña.'' [6] Nel 2005 venne inaugurato a Zaňa il Museo afro-peruviano. <ref name="Museo Afroperuano">{{Cita web|url=http://slaveryandremembrance.org/partners/partner/index.cfm?id=P0080&lang=spa|sito=Slavery and Remembrance|dataaccesso=22 November 2020}}</ref>
 
== Clima ==
41 281

contributi

Menu di navigazione