Mark Waid: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
m
fix vari, typos fixed: n° 6 → nº 6, replaced: nº → n. using AWB
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i.) #IABot (v2.0)
m (fix vari, typos fixed: n° 6 → nº 6, replaced: nº → n. using AWB)
Attivo nel mondo dei fumetti dalla metà degli [[Anni 1990|anni ottanta]], quando cominciò a scrivere per ''Amazing Heroes'' (1981-1992), rivista della casa editrice [[Fantagraphics Books]], Waid divenne ''associate editor'' alla [[DC Comics]] lavorando a titoli quali ''Secret Origins'' (1986-1990), alla ''[[Legione dei Supereroi]]'', a ''[[Doom Patrol]]'' e a molti ''one-shot''. Rilevante la sua attività nella co-creazione della serie di [[Elseworlds]], le storie alternative all'[[Universo DC]], in cui Waid pubblicò il primo numero ''Gotham by Gaslight'' (Augustyn-Mignola) e proseguita negli anni a venire. Nel [[1990]] iniziò a scrivere come [[free lance]] alla [[Impact (fumetto)|Impact]] (1991-1993), sempre della DC, dove scrisse ''[[Comet]]'' (1991) e i dialoghi di ''[[Shield (personaggio)|The Shield]]''.
 
Ma la sua carriera inizia a decollare quando prende in mano, dal n°. 62 del maggio [[1992]], la seconda serie di ''[[The Flash (fumetto)|The Flash]]''.
Waid definisce le caratteristiche moderne del personaggio, per ben 8 anni (alternandosi alle sceneggiature, anche con [[Grant Morrison]] e, nell'ultimo anno, con [[Brian Augustyn]], all'inizio suo editore). Anche grazie ai tratti funzionali e plastici di molti disegnatori (tra cui [[Greg LaRocque]] e [[Paul Ryan]]), Waid ha saputo connotare di toni drammatici e anche originali il personaggio di [[Wally West]] (sua è la definizione della "[[forza della velocità]]", concetto espanso a tutti i "velocisti" della DC).
 
207 172

contributi

Menu di navigazione