Differenze tra le versioni di "Neutrofilia"

Jump to navigation Jump to search
nessun oggetto della modifica
(Annullata la modifica 108977083 di 91.252.79.5 (discussione))
Etichetta: Annulla
 
I neutrofili sono fra le prime cellule bianche del sangue a rispondere ad una infezione batterica. Ne consegue che la causa più comune di neutrofilìa è un'[[batteri|infezione batterica]], specialmente causata da piogeni, ma anche infezioni micotiche e protozoiche .<br>
I neutrofili risultano aumentati anche in qualsiasi [[flogosi|infiammazione acuta]], come ad esempio nel caso di una sindrome coronarica acuta oppure un infarto cerebrale o un'[[ustione]], un'appendicite acuta, così come interventi chirurgici (in particolare la splenectomia), collagenopatie, [[trauma fisico|traumi]], [[necrosi]] tissutali, [[intossicazioni]].
Anche alcuni stimoli fisiologici come il ([[parto]], il [[dolore]], lo [[stress (medicina)|stress]], e lo sforzo fisico possono indurre neutrofilia.
Alcuni [[farmaci]] di tipo [[corticosteroidi|corticosteroide]], come il [[prednisone]], determinano lo stesso effetto di sostanze di tipo catecolaminico come l'[[adrenalina]] e la [[noradrenalina]] (vedi neutrofilia fisiologica).<br>
Anche altri medicinali come il [[litio]],<ref name="pmid6336655">{{Cita pubblicazione | cognome = Barr | nome = RD. |coautori= PR. Galbraith | titolo = Lithium and hematopoiesis. | rivista = Can Med Assoc J | volume = 128 | numero = 2 | pp = 123-6 | mese=gennaio| anno = 1983 | pmid = 6336655 }}</ref><ref name="pmid6348956">{{Cita pubblicazione | cognome = Boggs | nome = DR. |coautori= RA. Joyce | titolo = The hematopoietic effects of lithium. | rivista = Semin Hematol | volume = 20 | numero = 2 | pp = 129-38 | mese=aprile| anno = 1983 | pmid = 6348956 }}</ref> e molto più raramente la ranitindina,<ref name="pmid3740030">{{Cita pubblicazione | cognome = Gelwan | nome = JS. |coautori= RL. Schmitz; C. Pellecchia | titolo = Ranitidine and leukocytosis. | rivista = Am J Gastroenterol | volume = 81 | numero = 8 | pp = 685-7 | mese=agosto| anno = 1986 | pmid = 3740030 }}</ref> la chinidina,<ref name="pmid6465180">{{Cita pubblicazione | cognome = Bedell | nome = SE. |coautori= JL. Kang | titolo = Leukocytosis and left shift associated with quinidine fever. | rivista = Am J Med | volume = 77 | numero = 2 | pp = 345-6 | mese=agosto| anno = 1984 | pmid = 6465180 }}</ref> la [[clorpropamide]], la [[serotonina]], la [[digitalis|digitale]], l'[[acetilcolina]] o [[ormoni]] sono fra le cause possibili di neutrofilia.
Un neutrofilia potrebbe anche essere il risultato di una [[sindrome mieloproliferativa]] e talvolta anche di una sindrome mielodisplastica, di un [[tumori|tumore maligno]] o di un'emopatia. Anche alcune forme di anemia, ad esempio l'anemia emorragica, oppure l'[[anemia megaloblastica]] o l'anemia [[emolisi|emolitica]]) si associano a questa condizione.
La [[leucemia mieloide cronica]] (LMC), una malattia neoplastica relativamente, si caratterizza per la proliferazione incontrollata di una sola cellula multipotente che determina l'incremento notevole di cellule ematiche.: Questequeste cellule in molti casi possono essere neutrofili.
Nei casi più marcati di neutrofilia si assiste ad un forte aumento del rilascio in circolo di neutrofili immaturi e ad uno "spostamento a sinistra" (vedi sotto).
 
== Neutrofilia fisiologica ==
La neutrofilia fisiologica è causata dal rilascio dell'ormone adrenalina e di glucocorticoidi, pertanto si associa a situazioni di paura, gioia o intensa attività fisica. I citati ormoni portano ad un temporaneo aumento di neutrofili maturi, stimolando il rilascio degli stessi nel flusso ematico con mobilizzazione dal compartimento di marginato (di stoccaggio). L'incremento può essere registrato entro 1-2 ore dal rilascio ormonale e tende a mantenersi per 1-3 giorni con successivo ritorno ai valori basali.
 
== Spostamento a sinistra ==
Utente anonimo

Menu di navigazione