Vertice (teoria dei grafi): differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i.) #IABot (v2.0
m (testo,fonti)
(Recupero di 1 fonte/i e segnalazione di 0 link interrotto/i.) #IABot (v2.0)
 
Nella [[teoria dei grafi]], un '''vertice''' o '''nodo''' è l'unità fondamentale di cui i grafi sono costituiti: un [[grafo]] consiste in un insieme di vertici e di archi (coppie di vertici, ordinate se [[digrafo (matematica)|diretto]], non ordinate altrimenti). Dal punto di vista della teoria dei grafi, i vertici sono trattati come oggetti senza caratteristiche e indivisibili, sebbene ulteriori strutture relative all'applicazione possano essere aggiunte. Ad esempio, una [[rete semantica]] è un grafo i cui vertici rappresentano concetti o classi di oggetti.
 
Due vertici si dicono [[angolo#angoli di completamento|adiacenti]] se esiste uno [[spigolo (teoria dei grafi)|spigolo]] tra essi. Si definisce grado di un vertice il numero di spigoli aventi origine in esso.<ref>{{cita web | autore = Victor Adamchik | url = https://www.cs.cmu.edu/~adamchik/21-127/lectures/graphs_1_print.pdf | formato = pdf | lingua = en | titolo = Graph Theory | pagina = | data = inverno 2005 | urlarchivio = httphttps://web.archive.org/web/20100704212517/https://www.cs.cmu.edu/~adamchik/21-127/lectures/graphs_1_print.pdf | dataarchivio = 4 luglio 2010 | urlmorto = no | accesso = 31 gennaio 2020 }}</ref>
 
== Note ==
1 407 483

contributi

Menu di navigazione