Differenze tra le versioni di "Capodimonte (Napoli)"

Jump to navigation Jump to search
Nessun cambiamento nella dimensione ,  1 anno fa
m
Bot: Markup immagini, accessibilità
m (Annullate le modifiche di 138.41.42.146 (discussione), riportata alla versione precedente di Rei Momo)
Etichetta: Rollback
m (Bot: Markup immagini, accessibilità)
Con la riforma [[Gioacchino Murat|murattiana]], il casale di Capodimonte, a differenza dei casali circostanti, che divennero tutti autonomi ad eccezione di Scampìa (che divenne frazione di Secondigliano), confluì nel comune di Napoli.
 
[[Image:Chiesa Soccorso Capodimonte interno.JPG|Right|thumb|280pxupright=1.3|Interno della [[Chiesa di Santa Maria del Soccorso (Capodimonte)|chiesa di Santa Maria del Soccorso]]]]
 
Dopo l'[[unità d'Italia]] mentre la Reggia e le ville circostanti continuavano a essere crocevia di nobili, Capodimonte continuava a conservare il suo aspetto di piccolo casale rurale, pur facendo parte del Comune di Napoli. Negli [[Anni 1930|anni trenta]] sulla collina dei [[Colli Aminei]] fu edificato il [[Seminario Arcivescovile di Napoli]], progettato dall'ingegner Tirone, per interessamento del [[cardinale]] [[Alessio Ascalesi]], che lo inaugurò il 29 giugno [[1934]].
2 871 592

contributi

Menu di navigazione