Differenze tra le versioni di "Complemento di termine"

Jump to navigation Jump to search
m
rb rimozione contenuti
m (rb rimozione contenuti)
Etichetta: Annulla
* ''Ho riferito '''loro''' ciò che mi è stato detto dal portiere.''
 
== Come si presenta il complemento di termine ==
== C
Il complemento di termine è introdotto quasi sempre dalla preposizione "'''a'''", semplice o articolata.
a alla quale è destinato ciò che è espresso dal verbo, dal nome o dall'aggettivo che lo regge.
 
Possono essere '''nomi''': Molti dei candidati non ottennero l'idoneità '''all'insegnamento'''.....,,,.
 
Comunemente può consistere in un [[pronome personale]] complemento (mi, ti, gli, le, ci, vi, loro ecc.), in tal caso, ovviamente, il complemento di termine non è introdotto dalla preposizione "a":
* Luciana ha dato l'assegno a me - ''Luciana '''mi''' ha dato l'assegno;''
* Luciana ha dato l'assegno a te - ''Luciana '''ti''' ha dato l'assegno;''
* Luciana ha dato l'assegno a Gianni - ''Luciana '''gli''' ha dato l'assegno;''
* Luciana ha dato l'assegno a Barbara - ''Luciana '''le '''ha dato l'assegno; NOTA BENE''
* Luciana ha dato l'assegno a noi - ''Luciana '''ci '''ha dato l'assegno;''
* Luciana ha dato l'assegno a voi - ''Luciana '''vi '''ha dato l'assegno;''
* Luciana ha dato l'assegno a Gianni e Barbara - ''Luciana ha dato '''loro''' l'assegno. NOTA BENE''
Spesso nel parlato colloquiale si usa la stessa formula pronominale ''gli,'' in riferimento al femminile singolare. Tale uso è sbagliato ed è considerato un errore a tutti gli effetti.
 
L'utilizzo della forma pronominale ''gli'' in riferimento non solo al maschile singolare ma anche al plurale è molto comune nel parlato colloquiale.<ref>{{Cita web|url = http://www.treccani.it/enciclopedia/gli-o-loro_(La_grammatica_italiana)/|titolo = GLI O LORO?|accesso = 2016-02-06|sito = www.treccani.it}}</ref> Vi sono diverse visioni al riguardo: alcuni lo considerano accettabile, per altri continua ad essere un errore.
 
== Note ==

Menu di navigazione