Ex chiesa di San Francesco (Como)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Spazio culturale Antonio Ratti)
Jump to navigation Jump to search
Ex Chiesa di San Francesco
Spazio culturale Antonio Ratti
San francesco como.JPG
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàComo
IndirizzoViale Lorenzo Spallino, 1
Coordinate45°48′24.23″N 9°05′13.85″E / 45.80673°N 9.08718°E45.80673; 9.08718
TitolareFrancesco d'Assisi

L' ex chiesa di San Francesco,[1] oggi conosciuta come Spazio culturale Antonio Ratti, era un edificio di culto cattolico situato poco fuori dal lato meridionale delle mura di Como, all'incirca a metà strada tra Porta Torre e la Torre di San Vitale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una primitiva chiesa, dedicata a Francesco d'Assisi, sarebbe stata costruita nel 1230,[2][3] su impulso di Sant'Antonio da Padova.[2][4] Le più antiche attestazioni dell'esistenza dell'edificio religioso risalgono tuttavia al 1252.[5][3] Otto anni più tardi, durante il capitolo generale di Narbona, la chiesa comasca di San Francesco venne elevata al rango di custodia della provincia francescana milanese.[5][3] La chiesa, che internamente si presentava come un edificio a navata singola terminante in un'abside rettilinea,[3] faceva parte di un complesso conventuale comprensivo di un chiostro e di alcuni edifici ove soggiornò anche San Bernardino da Siena.[2] Dotata di cappelle probabilmente già a partire dal XIV secolo, la chiesa disponeva di un presbiterio dominato da un mausoleo gotico della famiglia Rusca, manufatto attualmente conservato presso il Castello Sforzesco di Milano.[3][5] Alcuni interventi di ristrutturazione comportarono un riorientamento dell'edificio religioso, con l'abside rivolto verso sud.[3] Tutto il complesso venne demolito tra il 1527[4][6][7] e il 1528[2], per ordine dello spagnolo Pedro Arias,[6] mandato con i suoi soldati a Como da Antonio de Leyva nell'ambito delle lotte per il controllo del Ducato di Milano.

In seguito riedificata, nel corso dei secoli la chiesa andò incontro a numerosi rimaneggiamenti,[4] tra i quali l'aggiunta di un portico in stile tuscanico (XVI secolo[5]) e la costruzione di un'abside poligonale (intorno al 1730)[3].

Dopo essere stato sconsacrato, nel 1798 l'edificio venno requisito dai soldati di Napoleone Bonaparte,[7] i quali convertirono la struttura in un magazzino[4] che, nel 1810, divenne di pertinenza dell'attigua caserma napoleonica, ricavata negli spazi fino ad allora occupati dal convento (anch'esso confiscato).[3]

Al posto dell'ex-convento, definitivamente demolito a partire dal 1966, venne costruito l'attuale tribunale cittadino[3]. Destino diverso toccò alla ex-chiesa, ristrutturata dal Comune di Como nel corso degli anni ’70 del Novecento[4] e successivamente adibita a spazio culturale per esposizioni temporanee[7].

Dal 2010, lo spazio culturale è intitolato ad Antonio Ratti.[7]

Nel corso della seconda metà del secondo decennio del XXI secolo, la gestione del porticato della ex-chiesa è stata più volte al centro di controversie e dibatti politici,[8][9][10][11][12][13][14] per via della frequente occupazione da parte di senza fissa dimora.[15][16][17][18][19] In questo contesto si inserì il servizio di assistenza ai clochard portato avanti da don Roberto Malgesini[20][21][22].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lungo il perimentro dell'edificio è possibile riscontrare alcuni elementi già appartenenti alla vecchia chiesa medievale: la facciata conserva ancora feritoie romaniche[5], mentre sui fianchi si osservano alcune tamponature realizzate in cotto, materiale che si ritrova anche in ciò di che resta di alcune arcate situate in fondo all’attuale abside. Il perimetro dell’originale abside rettilinea è invece evidenziato da alcuni elementi marmorei incastonati nel pavimento.[3]

Interni[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, destinato all'esposizione di mostre temporanee, conserva al suo interno resti di affreschi: quelli conservati nelle cappelle sono databili al XVI secolo, mentre quelli nell'abside e XVIII. Questi ultimi dipinti sono attribuiti a Carlo Innocenzo Carloni,[4][7] presunto autore anche dell'affresco sovrastante il coro.[3][5] Agli angoli delle cappelle, le aree sottostanti le volte a crociera ospitano alcune mensole in stile gotico, anch'esse facenti parte della vecchia chiesa medievale.[3][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chiesa di S. Francesco (ex), su lombardiabeniculturali.it.
  2. ^ a b c d Porcacchi, p. 26.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l Rovi, p. 329.
  4. ^ a b c d e f Redazione, Ex chiesa San Francesco di Como - Como e Lago di Como, su ComoCity.it, 11 gennaio 2018. URL consultato il 23 aprile 2022.
  5. ^ a b c d e f g Il cammino della settimana Santa - Camminacittà - Tappa, su camminacitta. URL consultato il 9 maggio 2022.
  6. ^ a b Bonacina, p. 12.
  7. ^ a b c d e Spazio Ratti, su Como - Lake Experience. URL consultato il 23 aprile 2022.
  8. ^ ROBERTO CANALI, Como, la proposta: "Apriamo l’ex chiesa a chi non ha un tetto", su Il Giorno, 22 maggio 2018. URL consultato il 24 aprile 2022.
  9. ^ Ordinanza per il decoro del centro storico, su Comune di Como. URL consultato il 24 aprile 2022.
  10. ^ Vietato aiutare i senzatetto, a Como applicata ordinanza sul decoro urbano, su Rainews. URL consultato il 24 aprile 2022.
  11. ^ Anna Campaniello, A Como volontari danno da mangiare ai clochard: bloccati dai vigili, su Corriere della Sera, 18 dicembre 2017. URL consultato il 24 aprile 2022.
  12. ^ Inferriata anti-clochard sotto il portico di San Francesco: Confesercenti condivide la proposta, su QuiComo. URL consultato il 24 aprile 2022.
  13. ^ Grate a San Francesco per allontanare i senzatetto. Presidio di protesta mercoledì in Comune, su Prima Como, 7 settembre 2020. URL consultato il 24 aprile 2022.
  14. ^ Accampamento ex chiesa San Francesco: chiesti 4 interventi a Prefetto e Sindaco, in http://www.confesercenti.como.it/sito/2018/08/29/accampamento-ex-chiesa-san-francesco-chiesti-4-interventi-a-prefetto-e-sindaco/.
  15. ^ ex chiesa di san francesco Archivi, su ComoZero. URL consultato il 24 aprile 2022.
  16. ^ ex chiesa di san francesco Archivi - Pagina 2 di 3, su ComoZero. URL consultato il 24 aprile 2022.
  17. ^ ex chiesa di san francesco Archivi - Pagina 3 di 3, su ComoZero. URL consultato il 24 aprile 2022.
  18. ^ Notizie di chiesa san francesco como, su CiaoComo. URL consultato il 24 aprile 2022.
  19. ^ San Francesco È di nuovo “tutto esaurito”, su laprovinciadicomo.it. URL consultato il 24 aprile 2022.
  20. ^ I volontari sfidano l'ordinanza del sindaco di Como: "Continueremo a portare tè caldo e biscotti a chi dorme per strada", su HuffPost Italia, 11 luglio 2019. URL consultato il 24 aprile 2022.
  21. ^ ROBERTO CANALI, Il tributo del Papa a don Malgesini: "In tutti gli indigenti vedeva Gesù", su Il Giorno, 15 novembre 2020. URL consultato il 24 aprile 2022.
  22. ^ Chi era don Roberto Malgesini, il prete che dava la colazione ai senzatetto, su La Stampa, 15 settembre 2020. URL consultato il 24 aprile 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]