Sovranità alimentare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La sovranità alimentare (la locuzione fu coniata da membri di Via Campesina nel 1996[1]) in economia è una politica che implica il controllo politico necessario ad un popolo nell'ambito della produzione e del consumo degli alimenti. Secondo i sostenitori della sovranità alimentare, i Paesi devono poter definire una propria politica agricola ed alimentare in base alle proprie necessità, rapportandosi alle organizzazioni degli agricoltori e dei consumatori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Global Small-Scale Farmers' Movement Developing New Trade Regimes", Food First News & Views, Volume 28, Number 97 Spring/Summer 2005, p.2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]